Famiglia Reale, incredibile lite a Buckingham Palace: “Erano furiosi, si sono urlati in faccia”

Nuove liti interne stanno affliggendo la Famiglia Reale. Stando a quanto riportato dall’esperto reale Robert Lacey, già famoso per il libro “Battle of Brothers”, nello specifico, l’acceso diverbio sarebbe avvenuto fra Harry e William. Non solo, per nascondere la lite ai paparazzi i due sarebbero stati immortalati insieme in foto di facciata.

Famiglia reale

Neanche il dolore per la perdita del principe Filippo, infatti, ha unito i due fratelli che sarebbero stati pizzicati a litigare anche nel corso del funerale. Nonostante un chiarimento a favore di camera, quindi, tornati al Castello di Windsor il battibecco è proseguito come confermato dallo stesso Robert Lacey.

Leggi anche —> Principe Harry pentito e dispiaciuto per il suo gesto: ‘Non lo rifarebbe di nuovo’

Persino al funerale del principe Filippo i due fratelli non avrebbero smesso di litigare

famiglia reale

Dalla testimonianza dello scrittore i due si sarebbero letteralmente urlati in faccia parole “tristi e dolorose”. Una pagina sicuramente da dimenticare per la famiglia reale. I due, inoltre, si rincontreranno il prossimo primo luglio quando saranno presenti all’inaugurazione di una statua in favore di Lady Diana.

Leggi anche —> Harry e William hanno ricominciato a parlarsi grazie a Kate Middleton: ecco cosa è accaduto

Il grande assente dell’evento, stando a diverse indiscrezioni, sarà loro padre, il principe Carlo. L’uomo sarebbe stanco di questa continua tensione tra i fratelli tanto che avrebbe preferito volare in Scozia per delle vacanze. Ovviamente però Harry e William sanno di avere gli occhi del mondo addosso e difficilmente vedremo liti in pubblico.

Si preannunciano settimane infuocate, dunque, per la “Royal Family” che ancora una volta rischia di far venire fuori l’ennesimo scandalo. Basti pensare all’ultimo accaduto meno di un mese fa quando degli studenti hanno insistito per togliere dalle scuole il ritratto della regina la quale rappresentava il dominio delle colonie inglesi e non avrebbe favorito l’integrazione degli studenti stranieri.