Cronaca, muore dopo delle fitte allo stomaco: è mistero

Il patologo del Ministero degli Interni non è stato in grado di determinare la causa della morte della 22enne.

morte
La donna era andata a bere con il suo fidanzato la sera della sua morte

Una vera e propria tragedia ha colpito la giovane madre 22enne, Silhesha Shantel Sunderland. La sua morte, inoltre, non ha ancora trovato una spiegazione. Stando al suo medico curante però la donna potrebbe aver sofferto di problemi cardiaci non rilevati.

Dopo una serata a bere con gli amici la donna sarebbe collassata nel proprio bagno

L’episodio risale alla notte di Santo Stefano del 2020 quando dopo essere tornata da una bevuta con il suo fidanzato Marc Scott ed un loro amico comune è stata ritrovata morta nel proprio bagno.

Stando ai test tossicologici effettuati però, la quantità d’alcool nel corpo non sarebbe stata sufficiente ad ucciderla. L’esclusione di questa ipotesi, dunque, ha mandato in difficoltà il patologo del Ministero degli Interni, la dottoressa Alison Armour, la quale ad oggi non ha ancora individuato la causa del decesso.

Dagli esami sul corpo non sono emerse complicazioni al cuore o alle vie aeree

Dal rapporto stilato dal coroner, inoltre, possiamo leggere come il corpo non presenta traumi o lesioni, nessun problema al cuore o alle vie aeree. L’unica peculiarità emersa dall’esame è una piccola quantità di sangue nella vescica ma che la dottoressa Armour non ha considerato rilevante.

Tutto ciò che si sa della giovane madre è che alcuni giorni prima si era lamentata di diversi dolori addominali. Anche in questo caso però, gli esami fatti non hanno portato dei risultati dato che la donna non presentava anomalie nel suo corpo.

Secondo un’ipotesi mossa dalla dottoressa Parr però, a togliere la vita alla contabile sarebbe stata la sindrome di morte improvvisa da aritmia. Quest’ultimo è un arresto cardiaco vero e proprio in grado di stroncare la vita delle persone e al tempo stesso risulterebbe difficile da individuare.

Leggi anche —> Lady Diana, il medico rompe il silenzio: l’agghiacciante verità sulla morte