Royal Family, grande successo per il principe Harry negli Stati Uniti: svelato il motivo

Dopo un periodo colmo di difficoltà anche il Principe Harry sembra aver finalmente trovato il proprio “posto al sole”. Da quando si è trasferito in California, infatti, circa un anno fa, insieme alla sua consorte Meghan Markle, l’uomo sembra aver trovato una propria stabilità emotiva.

Il breve ritorno a Londra per il funerale del principe Filippo e l’inaugurazione della statua dedicata a sua madre, Lady Diana, sono state solo piccole deviazioni in un percorso ben delineato. Negli ultimi anni, inoltre, il principe è diventato a tutti gli effetti un imprenditore stringendo accordi milionari con Spotify, Netflix e Apple Tv+, raggiungendo una certa indipendenza economica.

Leggi anche —> Famiglia Reale, incredibile lite a Buckingham Palace: “Erano furiosi, si sono urlati in faccia”

La vita del principe Harry sembra sempre più lontana da Londra

Non solo, sembra che negli Stati Uniti la sua figura da “vittima” sia particolarmente apprezzata. L’essere diventato un pò la “pecora nera” della famiglia reale ha attirato decisamente gli occhi del pubblico su di se. Questi dati, nello specifico, sarebbero stati raccolti dalla professoressa Pauline Maclaran, esperta di cultura del consumo e autrice di un libro sulla famiglia reale.

Leggi anche —> Principe Harry, il vergognoso attacco al Principe Filippo: ‘Scioccante e irrispettoso’

Questo combattere ideologicamente Buckingham Palace, quindi, starebbe portando vantaggio alla coppia che ha iniziato a crogiolarsi nella situazione. In America la figura dello sfavorito, infatti, tira molto ed è questo che ha attirato tantissimo pubblico a “tifare” per loro.

Parlando, infine, delle iniziative intraprese dai due, appena separati dalla famiglia reale, Harry e Meghan hanno fondato la Archewell una società impegnata in vari rami fra cui beneficenza, audio e video. Anche in questo caso la scommessa è stata vinta dalla coppia, guadagnando parecchi milioni escluse le sponsorizzazioni citate in precedenza.