raffaella carrà

Raffaella Carrà si è spenta nelle scorse ore a 78 anni. La regina della televisione italiana soffriva di un male contro cui ha combattuto per tanto tempo ma che purtroppo l’ha strappata alla vita. Ora, non si parla che della sua eredità e del suo patrimonio. Quali sono state le sue ultime disposizioni? Ecco tutti i dettagli.

Nelle scorse ore si è spenta Raffaella Carrà, la regina della televisione italiana. Un brutto male l’ha portata via all’amore del suo pubblico, della sua famiglia e dei suoi affetti più cari. Ora si discute del suo patrimonio e del suo lascito ereditario.

Raffaella Carrà: perché non ho avuto figli?

Non tutti sanno che Raffaella Carrà non aveva figli. Tuttavia, faceva da madre e da padre da diversi anni a due carissimi nipoti, Federica e Mattia.

Anche se Raffaella ha avuto delle relazioni importanti come con il regista Gianni Boncompagni e l’altra con il coreografo Sergio Japino, non ha mai avuto figli.

In un’intervista aveva dichiarato che il suo lavoro l’ha completamente assorbita scegliendo di dedicare ad esso tutta la sua vita.

I figli non sono arrivati, ma questo non significa che Raffaella non sia stata una madre per molti. Queste le parole rilasciate dalla Carrà in una delle sue ultime interviste:

“se non sono arrivati cosa devo fare? Non mi sono mai accanita e ho accettato quello che Madre natura ha scelto per me. ci ho pensato tardi. la dimensione genitoriale in fondo si può vivere in tanti modi. Io per esempio non ho mai smesso di adottare i bimbi a distanza. Ogni anno mi arrivano le loro foto e vederli crescere mi rende felice. E poi ho due nipoti dei quali mi occupo e ai quali faccio da ‘babbo’ visto che mio fratello non c’è più”.

L’eredità di Raffaella Carrà

Sono queste ore di profondo dolore per la scomparsa della regina della televisione italiana, Raffaella Carrà. Grande icona dello spettacolo e grande talento che negli anni ha conquistato il cuore di migliaia di fan.

Una carriera quella della Carrà con pochi eguali e una lunga serie di successi in campo musicale, cinematografico e televisivo che oggi sono ricordati nostalgicamente. Ma che ne sarà ora del suo patrimonio?

La notizia della sua morte è arrivata all’improvviso, come un fulmine a ciel sereno spiazzando il cuore di tutti coloro che l’hanno sempre seguita e amata.

L’artista nel corso della sua vita ha sempre mantenuto il massimo riserbo sulla sua vita privata e sui suoi amori, come nel caso di Gianni Boncompagni che è stato l’amore della sua vita.

Una vita segnata da una grande voglia di diventare mamma anche se per lei questo dono purtroppo non è arrivato, tuttavia l’artista ha dedicato parte della sua vita diventando mamma di circa 150.000 bambini.

Riguardo la sua eredità, c’è un vero e proprio mistero. Dopo l’annuncio di Sergio Japino che sui social ha scritto:

“Raffaella ci ha lasciati. è  andatA in un mondo migliore dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata E il suo straordinario talento risplenderanno per sempre”.

Ora si pone il problema del suo patrimonio. Ma a quanto ammonta l’eredità di Raffaella Carrà resta comunque un mistero come l’ultimo messaggio pubblicato su Twitter:

“grazie a tutti mi avete sommersa di auguri, il vostro affetto mi commuove, vi abbraccio e vi auguro un’estate con un ritorno alla normalità”.

Beneficiari dell’eredità

Non sappiamo che fine farà l’eredità di Raffaella Carrà, ancora non sono uscite indiscrezioni in merito. Sappiamo però che era molto cospicua.

In tanti anni di carriera nazionale e internazionale, la stessa Carrà aveva confessato di aver guadagnato molto bene nella sua vita. Disponeva inoltre di diversi immobili, non solo a Roma, dove c’è una villa grandissima in cui ha vissuto fino alla fine dei suoi giorni, ma anche in Toscana e in Spagna.

Si crede però che molto probabilmente una parte del suo patrimonio sarà riservato agli adorati nipoti Federica e Mattia che lei ha cresciuto come figli e una buona parte della sua eredità, invece, sarà devoluto in beneficenza.

LEGGI ANCHE—> Raffaella Carrà è morta: aveva 78 anni, stroncata da una terribile malattia