Salerno tragico incidente: bimbo di 5 anni e zio investiti da scooter

Lo zio e il bambino di 5 anni sono stati investiti da uno scooter domenica sera a Scafati in provincia di Salerno.

Si trova ricoverato al Santobono di Napoli e versa in prognosi riservata il bambino di 5 anni che è stato investito insieme allo zio da uno scooter.

Travolti da uno scooter a Salerno

In ospedale anche lo zio che ha subito vari interventi in quanto ha riportato  fratture multiple a femore, tibia e perone. Il 40 enne è stato sottoposto ad un primo intervento chirurgico lunedì per una frattura scomposta alla gamba destra, mentre ieri ha subito un ulteriore operazione al femore.

In ospedale è finito anche il conducente del mezzo, che secondo quanto si è appreso ha riportato un trauma toracico. Sul luogo stanno proseguendo delle indagini da parte degli uomini dell’Arma dei Carabinieri.

Sono stati momenti di paura ma miracolosamente il bimbo di 5 anni investito dallo scooter non è in pericolo di vita. L’incidente è accaduto domenica 4 luglio, tra via Oberdan e Via Pietro Melchiade.

Fatale distrazione

Secondo quanto è stato riportato da Il Mattino, lo zio con il nipote stavano camminando sul marciapiede quando il piccolo ha lasciato la mano dell’uomo ed è scappato con l’intenzione di attraversare la strada, sfuggendo quindi al controllo dell’uomo che gli è corso immediatamente dietro.

A quel punto è arrivato lo scooter che ha travolto entrambi, andando poi a schiantarsi contro una ringhiera di protezione a ridosso del fiume Sarno.

Il conducente dello scooter, è un ragazzo di 16 anni e per ora si trova in osservazione, in quanto nell’impatto ha riportato un grave trauma toracico.

Nell’incidente è rimasto coinvolto anche un secondo scooter, sopraggiunto subito dopo l’impatto. Tuttavia il conducente non ha riportato ferite gravi.

Leggi anche -> Denise Pipitone ‘Mi ha devastato la vita’: il padre rompe il silenzio dopo 17 anni

Leggi anche -> Belen Rodriguez a poche ore dal parto cambia nome alla figlia: ecco come la chiamerà

I carabinieri hanno effettuato dei sopralluoghi e ascoltato testimoni, ora dovranno visionare i filmati di alcune telecamere di sorveglianza presenti nella zona.