Denise Pipitone, svelata la lettera anonima: SVOLTA a Chi L’ha visto? Colpevoli smascherati

Si torna a parlare di Denise Pipitone, la bimba scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004. Nella famosa lettera anonima fatta recapitare al legale Giacomo Frazzitta e alla redazione di Chi l’ha visto spunta a sorpresa il nome dell’ ex fidanzato di Jessica Pulizzi. Ecco tutti i dettagli.

Nella lettera anonima inviata al legale di Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone e poi alla redazione di Chi l’ha visto spuntano dei nomi inaspettati, come Gaspare Ghaleb, l’ex fidanzato di Jessica Pulizzi che nelle scorse ore è stato interrogato.

Il contenuto della lettera anonima

Spuntano delle novità interessanti riguardo la famosa lettera anonima inviata al legale di Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone e poi alla redazione di Chi l’ha visto.

Nella missiva, spuntano tre nomi importanti tra cui quello di Gaspare Ghaleb, l’ex fidanzato di Jessica Pulizzi. Nelle scorse ore il ragazzo è stato interrogato come persona informata sui fatti dalla procura della Repubblica di Marsala che ha iniziato le indagini sulla scomparsa della piccola Denise Pipitone il primo settembre del 2004.

A rivelare questa notizia bomba, la redazione di Chi l’ha visto. Nonostante gli appelli a farsi avanti da parte della famiglia di Denise, l’autore della lettera è sempre voluto rimanere anonimo.

Le parole dell’anonimo

Oggi abbiamo la certezza che l’autore della missiva è un uomo che parla di due donne e del ragazzo di Jessica Pulizzi. La lettera sgrammaticata è ricca di informazioni che mediaticamente non sono mai uscite fuori.

Ecco uno stralcio:

“sono 17 anni che so dei fatti sulla bambina scomparsa, Denise Pipitone e sono sicurissimo al 100% che è la realtà dei fatti. Io non ho parlato prima per paura. Nonostante tutto sto parlando adesso di quel poco che ho visto e che credo sia un indizio sicurissimo”.

L’uomo della lettera racconta dei dettagli precisissimi su quanto avrebbe visto in un giorno del mese di settembre di 17 anni fa.

Ancora si legge nella lettera:

“era di mercoledì, tornavo da lavoro intorno alle 12:30- 13:00, abitavo in zona e c’era una fila di auto in coda perché a quei tempi c’era il mercato.”

L’uomo aggiunge poi dei dettagli fondamentali per gli inquirenti:

“esce un auto ad alta velocità e sorpassa le auto in coda, si mette correndo nella mia carreggiata e mi tocca specchio e auto, faceva caldo e avevo i finestrini aperti, mi sono accostato e ho guardato dal visore e vedo e sento una bambina gridare ‘aiuto mamma aiuto'”.

I dettagli agghiaccianti

L’uomo ancora scrive che l’auto in questione era una vettura blu con al lato guida un tunisino, identificato poi nel ragazzo di Jessica Pulizzi.

L’uomo ricorda ancora che c’era in auto la bambina che gridava forte, che piangeva chiedendo aiuto. L’autore dice di aver sentito urlare la bambina che è stata poi buttata dietro da un’altra signora che la teneva i piedi e le mani sulla bocca per non farla urlare.

L’uomo ha detto di non aver parlato prima d’ora perché aveva paura per sé e per la sua famiglia ma non ha dubbi che le persone menzionate abbiano contribuito alla scomparsa di Denise Pipitone.

Gaspare Ghaleb persona informata sui fatti

Nella lunga missiva inviata dall’anonimo, spunta a sorpresa il nome di Gaspare Ghaleb l’ex fidanzato di Jessica Pulizzi. I dettagli indicati nella lettera sono davvero molto particolari: si parla di strade, di vicoli precisi ma, come sottolinea Chi l’ha visto, anche di quella famosa auto blu che andava a folle velocità in quelle strade e alla stessa ora e che aveva sbattuto contro il marciapiede.

Ma al volante era stata indicata una donna bionda con sfumature rosse anche se ancora oggi non si sa chi fosse. Intanto l’avvocato di Gaspare Ghaleb ha assicurato che il proprio assistito non è per il momento indagato ma è stato interrogato solo come persona informata sui fatti circa la scomparsa di Denise Pipitone.

Le dichiarazioni di Maria Angioni su Denise Pipitone

La pista familiare al momento è quella prediletta dagli inquirenti. Dopo le dichiarazioni dell’ex PM Maria Angioni che aveva affermato la personale sicurezza di sapere dove si trovasse la bambina, gli inquirenti hanno deciso di proseguire su una strada diversa.

Ricorderete che le dichiarazioni del magistrato che ha seguito nel 2004 il caso di Denise Pipitone sono purtroppo false.

L’avvocato aveva affermato di sapere che Denise Pipitone si trovava in Tunisia, che era diventata madre e moglie. Purtroppo si è trattato di uno scambio di persona.

La ragazza in questione e indicata dall’ex PM altro non è che la cugina dell’ ex fidanzato di Jessica Pulizzi. La disperazione di Piera Maggio è stata incontrollabile. La donna che finalmente aveva visto riaccendersi le speranze, è stata delusa così amaramente da un’informazione mal verificata.

LEGGI ANCHE —> Denise Pipitone ‘Mi ha devastato la vita’, il padre rompe il silenzio dopo 17 anni

LEGGI ANCHE —> Denise Pipitone ritrovata in Tunisia con la figlia: indagata l’ex PM per false dichiarazioni