Tenerife: trovato il corpo di Olivia in fondo al mare, continuano le ricerche della sorellina

Gli esami lo hanno confermato, il corpo ritrovato è con molte probabilità di  Olivia Gimeno, scomparsa il 27 aprile insieme alla sorellina e al padre-rapitore.

Il contesto del ritrovamento del corpo in una borsa in fondo al mare, fa pensare che sia proprio Olivia, una delle sorelle rapite a Tenerife.

L’uomo avrebbe dovuto riportarle alla madre la sera alle 21, ma dalle 17 di quel pomeriggio delle due bambine e del loro padre si erano perse le tracce.

Il rapimento di Olivia e Anna

Le bambine Anna e Olivia, due sorelline di 1 e 6 anni, dal 27 aprile scorso erano scomparse dopo che la madre, Beatriz Zimmermann. La donna le aveva affidate il pomeriggio di quel giorno al suo ex, Tomás Gimeno.

Un primo avvertimento, che non avrebbe restituito le bambine era stato dato dall’uomo. Infatti prima di far perdere le sue tracce, l’uomo aveva telefonato alla donna minacciandola che non avrebbe più rivisto le sue figlie.

Lo stesso 27 aprile l’uomo è stato ripreso dalle telecamere di un molo di Santa Cruz di Tenerife mentre salpava su una barca. Le immagini lo ritraggono da solo. Ore dopo è stata rinvenuta l’imbarcazione senza nessuno a bordo.

Leggi anche -> Lino Banfi, il drammatico passato dell’attore: “avevamo un trattamento fetente”

Leggi anche -> Venasca, muore in un incidente a 29 anni: la Pro Loco rinvia la cena in segno di rispetto

Tragica scoperta a Tenerife

Dopo più di un mese e mezzo dalle ricerche la macabra scoperta: il corpo della bimba è stato ritrovato a circa 1.000 metri di profondità, era stato posto in una borsa legata a un’ancora.

Si suppone che entrambe le bambine siano arrivate già morte all’interno delle borse che in seguito l’uomo ha buttato in mare. Un ennesimo e ultimo modo di infliggere il dolore più grande possibile alla madre delle bimbe e sua ex partner.

Nei pressi del ritrovamento di Olivia è stata ritrovata anche un’altra borsa, ma al suo interno non è stato rinvenuto nulla, è possibile che le correnti marine abbiano portato via il corpo della minore Anna, di solo un anno.

Il macabro ritrovamento, sarebbe stato effettuato grazie a una nave oceanografica, dotata di un sonar e di un robot sottomarino ancora alla ricerca dell’uomo e della piccola Anna.