Sempre più utenti di WhatsApp sono a rischio. Infatti, l’incidenza degli account rubati sta crescendo: vediamo cosa sta accadendo.

Continuano Su WhatsApp i procedimenti utilizzati dai truffatori per recuperare dati sensibili. Non solo nel caso di truffe di phishing , ma stanno diffondendo ransomware, un tipo di malware che limita l’accesso del dispositivo infettandolo. In seguito i malviventi richiedendo un riscatto (ransom in inglese) da pagare per rimuovere la limitazione.

Attenzione alle truffe

Si moltiplicano i metodi utilizzati per mettere a rischio milioni di account. Di recente, sempre più utenti ricevono messaggi che possono arrecare danni senza sapere nulla.

Questo metodo rende anche più difficile proteggersi da individui malintenzionati. Occorre quindi fare sempre molta attenzione e controllare non solo la sua versione mobile ma anche quella su Internet.

Per proteggerci da queste aggressioni una delle cose primarie da non fare mai, è inviare codici sensibili all’interno dell’applicazione. Si tratta di dati che non andrebbero rivelati davvero a nessuno.

La Polizia di Stato ha avvertito i cittadini, di non cliccare mai su eventuali link presenti in messaggi “strani” e di attivare la verifica in due passaggi.

Nell’ultimo anno si è verificato un incredibile aumento degli account rubati all’interno dell’app. Cerchiamo di vedere cosa sta cambiando all’interno dell’applicazione di messaggistica istantanea.

Leggi anche -> Carta famiglia 2021: sconti e agevolazioni. Come ottenerla

Leggi anche -> Farmaci anti-vomito: l’Aifa ne chiede l’immediato ritiro da ospedali e farmacie

WhatsApp, nuova funzionalità per le immagini

WhatsApp è stato continuamente aggiornato nell’ultimo mese ed è ora pronto a consentire agli utenti di inviare immagini ad alta definizione.

Tuttavia, in realtà a Menlo Park sono pronti a introdurre funzionalità aggiuntive relative all’invio di contenuti multimediali in chat. Secondo quanto appreso nelle ultime ore, gli sviluppatori permetteranno di decidere tre diverse qualità di invio. Vediamo quali sono.

  • Automatica – Qui l’applicazione deciderà la qualità del video inviato e questo dipenderà dalla qualità di connessione.
  • Best quality – L’utente potrà inviare i video alla massima qualità disponibile.
  • Data saver – Questa opzione WhatsApp preferisce una qualità adeguata per il salvataggio in massa, questo rende il video più leggero possibile.

L’applicazione per ora deve ancora  lanciare l’aggiornamento con la nuova funzione. E’ previsto a breve che il nuovo strumento sia provato, per  primo sulla Beta dell’applicazione, e poi nella sua versione ufficiale.

Spetterà agli sviluppatori migliorare l’applicazione onde evitare il sorpasso da parte dei competitors.