michele merlo

Si torna a parlare del caso di Michele Merlo, l’artista di 28 anni morto a causa di una leucemia fulminante. La sua morte avvenuta in modo inaspettato, ha lasciato tutti senza parole. Un amico ha voluto esprimere il suo rammarico con delle dichiarazioni che sconvolgono tutti.

Michele Merlo aveva 28 anni quando è stato strappato alla vita da una leucemia fulminante. La sua morte arriva come un fulmine a ciel sereno. Tantissimi i colleghi e gli amici che si sono uniti al dolore della famiglia. In particolare, un suo amico e collega ha fatto delle dichiarazioni inaspettate affermando che i sensi di colpa lo stanno logorando. Ecco che cosa è accaduto.

La morte di Michele Merlo

Il 6 giugno 2021 si è spento Michele Merlo, l’artista di 28 anni morto nell’ospedale Maggiore in seguito ad una leucemia fulminante.

Purtroppo la morte di Mike Bird, come era conosciuto nel mondo artistico e dai suoi fan che lo amavano tantissimo, è avvenuta come un fulmine a ciel sereno.

Tutto ha inizio mercoledì due giugno, quando Michele Merlo si presenta autonomamente al pronto soccorso di Vergato. Un medico incaricato del controllo della temperatura e un infermiere che prestano servizio, lo fanno accomodare in attesa che arrivi un medico per la visita.

Alle 15:50 un sanitario effettua l’anamnesi riscontrando una forte faringite e prescrivendo quindi un farmaco antibiotico. Il 3 giugno alle 21:52, il 118 riceve la chiamata di soccorso: purtroppo il giovane non stava bene e cominciano in loco le manovre di stabilizzazione per cercare di ripristinare il paziente.

Alle 22:40 Mike Bird arriva al pronto soccorso del Maggiore in codice rosso e poco dopo viene ricoverato in rianimazione. La diagnosi è quella di una grave emorragia cerebrale spontanea che rende necessario un intervento neurochirurgico urgente eseguito alle 2:22 del 4 giugno.

Concluso l’intervento, il paziente viene ricoverato nuovamente in rianimazione. Il quadro clinico però non è dei migliori e il giovane peggiora di giorno in giorno fino al decesso avvenuto il 6 giugno alle 21:45.

Il dolore della famiglia

La famiglia di Michele Merlo è straziata dal dolore. Un figlio è stato tolto ai genitori e secondo il padre e la madre qualcosa in più per il giovane Mike Bird poteva essere fatta.

Domenico Merlo, il papà dell’ex cantante di Amici fa delle dichiarazioni inaspettate al Resto del Carlino:

“questa storia ha moltissime ombre su cui vogliamo fare luce. Faremo partire un’indagine. mi sono già rivolto agli avvocati e abbiamo intenzione di sporgere denuncia. Mio figlio è arrivato in ospedale a vergato con le sue gambe e c’era solo lui come paziente. Eppure il medico che lo ha accolto gli avrebbe intimato di non intasare gli ospedali per un mal di gola e due placche”.

Il papà del giovane cantante dice che il figlio però oltre alle placche, alla febbre e al mal di gola, aveva anche un terribile mal di testa, sangue dal naso ed ematomi sul corpo già da diversi giorni.

Secondo la famiglia, un medico più attento si sarebbe accorto fin da subito che qualcosa non andava riconoscendo i sintomi della leucemia e disponendo ulteriori accertamenti. La famiglia dell’artista ha richiesto l’autopsia sul corpo del giovane prima di procedere ai funerali.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Michele Merlo (@michelemerlo)

 I risultati dell’autopsia

L’autopsia eseguita sul corpo di Michele Merlo ha confermato che il giovane è morto a causa di una leucemia fulminante che ha generato un emorragia cerebrale.

Gli inquirenti hanno raccolto tutto il materiale per capire se ci siano o meno responsabilità del personale sanitario per la morte del ventottenne. È stata aperta anche una inchiesta per omicidio colposo per negligenza professionale dei medici dell’ospedale.

I funerali

Il 18 giugno 2021 si sono tenuti i funerali di Michele Merlo, il cantante morto a 28 anni a causa di una leucemia fulminante a cui è seguita un’ emorragia cerebrale che non gli ha lasciato scampo.

La cerimonia funebre si è tenuta nello stadio di Toni Zen di Rosà a Vicenza dove hanno preso parte 500 persone tra cui, oltre i parenti del ragazzo, anche il governatore del Veneto Luca Zaia, Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

La mamma e il papà di Michele hanno scelto di salutare il figlio con alcune parole affidate ad un video:

“abbiamo il cuore stanco di chi la vita l’ha rincorsa, di chi ha detto un sacco di bugie, perché per dire la verità ci voleva forza. Una vita di silenzi, di sogni potenti, di non sentirsi mai abbastanza. Ma come glielo spieghi a quelli che la felicità non è niente per chi è sempre stato senza?”.

Lo strazio della fidanzata

Da un po’ di tempo, Michele Merlo era legato ad una giovane ragazza italo-venezuelana, Luna che non fa parte del mondo dello spettacolo e che studia invece culture e pratiche della moda all’università.

I due si conoscevano da un anno, lei era una sua fan e tra i due era stato un vero e proprio colpo di fulmine. Il dolore della giovane è uscito fuori come un fiume in piena durante i funerali. Il suo messaggio d’amore e di addio ha lasciato tutti senza parole:

“il destino ci ha fatto incontrare e come per magia ci ha fatto vivere momenti di Amore puro, di gioia immensa, quei gesti che tanto amavamo. Ti ringrazio infinitamente per avermi fatto credere in me stessa e nell’amore. Vivrò appieno la vita per me e per te. Ora smetti di sognare e vola tra le stelle, tuffati dentro al mare”.

Il pentimento di un amico

La morte prematura di Mike Bird, ha lasciato tutti davvero senza parole. Tantissimi sono stati colleghi, gli amici e i parenti che si sono uniti al dolore della famiglia.

Nel gruppo di amici ed ex colleghi di Michele Merlo, c’è un giovane cantante in particolare che negli ultimi mesi vice con grandi sensi di colpa.

Si tratta di Riccardo Marcuzzo, in arte Ricky che con Michele Merlo aveva condiviso l’esperienza di Amici di Maria De Filippi. Marcuzzo attraverso alcune domande dei follower sul suo profilo Instagram, ha affermato di sentire spesso la mancanza di Michele.

Il cantante confessa la sua amarezza facendo delle dichiarazioni importanti e raccontando un episodio che fa rabbrividire:

“non ho rimpianti nella mia vita se non quello di non essere andato a trovarlo quando mi ha scritto ‘vediamoci’. Ci penso. penso che pure io potevo fare di più. Entrambi lo potevamo fare”.

Riccardo Marcuzzo e Michele Merlo non erano ottimi amici all’interno della scuola. Fuori però dagli studi televisivi, ognuno ha intrapreso strade e carriere differenti ma la stima professionale è sempre rimasta intatta.

Marcuzzo è rimasto sconvolto dalla morte del giovane collega e ha affermato in più occasioni che se potesse tornare indietro, sicuramente cercherebbe di risolvere alcune divergenze con il giovane cantante ucciso da una leucemia fulminante.

LEGGI ANCHE —> Aka7even, il gesto choc per Michele Merlo: la reazione della mamma

LEGGI ANCHE —> Michele Merlo, il disperato appello della mamma: ‘Aiutatemi’