Burro Buon Pascolo richiamato: rischio presenza allergeni

Allergene non indicato, nel Burro Buon Pascolo. il Ministero della Salute lo ha segnalato a causa di un allergene non dichiarato.

La tutela della salute del consumatore prima di tutto e in special modo riguardo la sicurezza alimentare. Un rischio a cui dobbiamo ancora di più fare attenzione quando si tratta di allergie. È recente un richiamo alimentare pubblicato sul sito Internet ufficiale del Ministero della Salute.

Per quanto sia un ritiro in via precauzionale del prodotto, questo è sarebbe stato predisposto a causa di un potenziale rischio connesso alla presenza di allergeni. Si tratterebbe nello specifico del glutine.

Burro Buon Pascolo a rischio allergeni

Il burro interessato nel richiamo è originato da un’ azienda ma viene venduto da due marchi: Granarolo e Buon Pascolo a causa della presenza di glutine non dichiarato in etichetta.

La data di pubblicazione dell’allerta riportata sul sito è quella del 9 luglio 2021. L’avviso di richiamo e la data dei controlli effettivi è quella dell’8 luglio 2021.

Stando a quanto segnalato sul sito internet ufficiale del Ministero ad essere sottoposto al richiamo sarebbe un lotto di burro venduto a marchio burro GRANAROLO in confezioni da 1 chilogrammo e lotto Burro del Buon Pascolo in confezioni da 1 chilogrammo e da 250 grammi.

Leggi anche -> Elisabetta Gregoraci si apre tutto il vestito: l’incidente bollente sul palco di Battiti Live

Sicurezza alimentare: i lotti

I formati interessati al ritiro apparterrebbero, di fatto, al lotto numero 250821 con la data di scadenza 25/08/2021, prodotto dall’azienda Gra-Com Srl, nello stabilimento di via Emilia Est 90/A a Castelfranco Emilia, in provincia di Modena. L’unità di vendita, invece, è rappresentata dal panetto a 1000 grammi.

Il presidente dello “Sportello dei Diritti” Giovanni D’Agata raccomanda, di prestare la massima attenzione. Viene consigliato  di non consumare il prodotto in caso di celiachia o sensibilità al glutine.

Viene suggerito, ove sia possibile, di riconsegnarlo presso il punto vendita in cui è avvenuto l’acquisto che provvederà al rimborso o alla sostituzione.

Leggi anche -> Sardegna, la moto prende fuoco dopo lo schianto: muore un 21enne