Questi bonus si rivolgeranno soprattutto agli anziani

Fra i nuovi bonus avremo un rimborso di 3600 euro per chi non è in grado di badare a se stesso ed un buono di 300 euro per assumere un’assistente.

bonus
Questi bonus si rivolgono soprattutto agli anziani

Sono finalmente stati diramati i nuovi bonus per i cittadini non autosufficienti e che hanno bisogno dell’aiuto di colf o badanti. Queste nuove misure, quindi, sono attive dallo scorso 1° luglio per tutti i cittadini iscritti al Cassacolf.

Come spiegato dal presidente della Cassacolf questi aiuti sono rivolti ai soggetti fragili

Fra le novità istituite troviamo un rimborso fino a 3.600 euro per chi si trova in una situazione di non auto sufficienza. Non solo un ulteriore fondo massimo di 300 euro potrà essere usato per assumere una badante.

Leggi anche —> Proteggere la propria casa con tende da sole, rientra nell’Ecobonus 110%?

Come ci spiega il presidente della Cassacolf, Mauro Munari, sono stati introdotti importanti aiuti per i datori di lavoro domestici. A poter beneficiare di questi nuovi bonus saranno soprattutto i soggetti più fragili, come spiega lo stesso presidente.

Leggi anche —> Superbonus: le novità sul nuovo Ecobonus 110% e Sismabonus

In caso di gravidanza dell’assistente riceveremo una tantum per assumere il sostituto

Il rimborso per i datori di lavoro, inoltre, sarà di massimo 300 euro al mese per 12 mesi. Non solo il suo ammontare non potrà superare i 3.600 euro annui. In caso l’assistente, invece, necessiterà di una sostituzione causa maternità riceveremo un rimborso una tantum da 300 euro per ogni lavoratore assunto in sostituzione.

Ci sarà però una condizione da rispettare per accedere ai predetti bonus, ossia aver versato continuamente e per almeno un anno i contributi previsti dal Cassacolf. Sono state prorogate sino al 31 ottobre, invece, le prestazioni Covid dirette a colf, baby sitter e badanti.

Ricordiamo, infine, come  per i lavoratori domestici sono previsti 100 euro di indennità giornaliera per un massimo di 50 giorni all’anno in caso di ricovero in strutture ospedaliere.