Raffaella Carrà, parla il suo primo amore: “Le interessava solo il lavoro”| La verità sul loro addio

Una verità che viene fuori solo oggi che Raffaella Carrà non c’è più. Il suo primo fidanzato ha rotto il silenzio.

Una relazione molto bella quella tra Raffaella Carrà e il suo primo amore Gino Stacchini. I due purtroppo si lasciarono ma la passione, quando erano una coppia, era bruciante.

Un amore che ha lasciato il segno ad entrambi anche se le parole dell’x calciatore juventino suonano un tantino rancorose.

LEGGI ANCHE –> Raffaella Carrà, dopo la morte spunta l’erede che nessuno sapeva di avere

LEGGI ANCHE –>Raffaella Carrà, il messaggio da brividi su WhatsApp a Maria De Filippi: ‘L’ho letto e riletto’

Raffaella Carrà, il suo primo amore rompe il silenzio

Gino racconta come è nato l’amore per Raffaella Carrà al tempo giovanissima:

“Eravamo giovanissimi, poi le nostre strade si sono divise ma l’affetto è sempre rimasto”

L’ex ala sinistra della Juventus è stato il fidanzato di Raffaella prima di Gianni Boncompagni e Sergio Japino.

Gino Stacchini e Raffaella si sono amati per i per circa tre anni negli anni Sessanta, quando la conduttrice recentemente scomparsa era solo un’adolescente ancora sconosciuta al grande pubblico.

Al settimanale Di Più, l’ex calciatore ha raccontato come è nata la loro relazione e del primo incontro avvenuto nel 1959 a Bellaria: lei aveva 16 anni, mentre lui 21 e già giocava nella Juve e nella Nazionale italiana di calcio.

Le avance di Omar Sivori

In Emilia Romagna la Carrà faceva ritorno spesso per trascorrere l’estate con la famiglia mentre Stacchini aveva comprato proprio in quella zona un albergo che gestiva la madre. Per i due fu senza dubbio un colpo di fulmine:

“Raffaella è stato il mio primo amore. Mi conquistarono i suoi occhi e la sua simpatia. Io la aiutavo a tenersi in forma facendole da preparatore atletico: teneva molto alla linea, ma a tavola non sapeva dire di no”.

Per diverso tempo, essendo lui un personaggio famoso e lei poco più che una ragazzina, la loro relazione è stata tenuta segreta. Ad un certo punto però è subentrata la corte di un altro calciatore: il campione argentino, altro ex della Juventus, Omar Sivori.

La squadra bianconera era impegnata a Belgrado per una partita molto importante, ad un certo punto però in albergo arrivò proprio Raffaella con la compagnia per la quale lavorava.

“Sivori appena vide Raffaella iniziò a farle la corte. La iniziò a marcare stretta, la invitò per un caffè, poi per la cena…”

Così ricorda l’accaduto Stacchini.

“Raffaella per rompere l’assedio gli urlo: “Io sono qui solo per salutare il mio fidanzato, Gino Stacchini”, poi si alzò e mi gettò le braccia al collo. E fu così che del nostro amore si iniziò a parlare”, ha aggiunto.

Ma perché i due si sono lasciati?

Gino ha ammesso che la storia è naufragata perché lui puntava ad avere una famiglia cosa che Raffaella non aveva ancora per la testa.

Obiettivi divergenti quindi:

“A lei interessava solo la sua professione e il nostro rapporto esisteva solo quando era libera. E piano piano ci siamo allontanati. Ma l’amicizia e l’affetto sono rimasti”

Stacchini ha rivisto Raffaella nel 1996, quando Corrado ha premiato la conduttrice per il grande successo di Carrambà! Che sorpresa. Salì sul palco per fare una sorpresa all’ex fidanzata e Raffaella ne fu molto felice.