Pensava fosse bruciore di stomaco invece ora gli restano pochi mesi di vita: padre distrutto

Paul Walker, questo il nome dell’uomo, era andato dal suo medico per un semplice bruciore di stomaco.

bruciore stomaco
All’uomo resta al massimo un anno di vita.

Paul Walker, padre di quattro bambini, ha ricevuto una notizia da far gelare il sangue. Recatosi dal medico per un semplice bruciore di stomaco l’uomo ha scoperto di avere ormai pochi mesi di vita.

All’uomo sarebbe stato diagnosticato un cancro allo stomaco

A quest’ultimo, residente nella contea di Antrim, in Irlanda Del Nord, sarebbe, quindi, stato trovato un cancro allo stomaco. Stando a quanto raccontato da un giornale locale, il BelfastLive, a Paul sarebbero stati dati dai 5 mesi ad un anno di vita.

Leggi anche —> Allerta: calamari ritirati dai supermercati per la presenza di metalli pesanti oltre i limiti

Il 37enne ha raccontato come si sia diretto da un medico fuori orario per il bruciore di stomaco che lo tormentava. Il dolore, nei giorni seguenti, è persino aumentato d’intensità costringendo l’intervento di un’ambulanza dato che l’uomo temeva stesse avendo un attacco di cuore.

Leggi anche —> Burro Buon Pascolo richiamato: rischio presenza allergeni

I medici prima della Tac pensavano che la causa del malore fosse il diabete

In quell’occasione all’uomo fu detto come soffrisse di calcoli biliari e di due tipi diversi di diabete. Passate un paio di settimana i risultati della Tac effettuata però hanno fatto intuire come la situazione fosse ben più grave.

L’uomo, intervistato, si è dimostrato completamente distrutto dalla notizia non riuscendo a spiegarsi come sia possibile data la sua ancora giovane età. Qui Paul ha rivelato come a chiamare l’ambulanza fu sua moglie Laura preoccupata per le sue condizioni.

Come detto Paul è padre di 4 bambini, Tavis, 14, Summer, 9, Kai, 7, e Xena di appena un anno. A fatica Walker è riuscito a spiegare al figlio maggiore la situazione in cui si trova ma al momento non sa come dirlo ai più piccoli. Una situazione incredibilmente triste tanto da costringere a sviare le domande dei suoi bambini con un semplice “sono malato”.