Una bevanda in grado di combattere il Parkinson mantenendo il cervello giovane: ecco come farla

In Italia sarebbero circa 230mila le persone affette da Parkinson, di cui il 70% di oltre 65 anni.

Parkinson
Questa bevanda aiuterebbe a combattere il morbo

Secondo un’indagine svolta dal Ministero della Salute qui in Italia sarebbero circa 230mila le persone colpite dal morbo di Parkinson. La maggior parte di quest’ultime, circa il 70%, inoltre, avrebbe più di 65 anni.

Il Parkinson può attaccare anche le funzioni psichiche e cognitive

Meno del 5% delle persone affetto da tale morbo, inoltre, avrebbe meno di 50 anni. Per chi non lo sapesse il Parkinson è una malattia neurodegenerativa che lentamente coinvolge il controllo dei movimenti. Uno dei sintomi più comuni, ad esempio, è il tremore.

Leggi anche —> Quali le virtù medicinali e curative della calendula, un alleata della pelle

Sfortunatamente questa non è che una parte di questa terribile malattia. Il Parkinson, infatti, coinvolge anche le funzioni psichiche e cognitive dell’individuo portandolo persino alla depressione e alla demenza. Purtroppo, inoltre, al momento non c’è una vera e propria cura ma solo diversi trattamenti da seguire.

Leggi anche —> Mangiare le noci: benefici per la salute che derivano dall’assumerle

Non solo, una corretta alimentazione basata sul consumo di frutta e verdura potrebbe ridurre il rischio di contrarre il pericoloso morbo. Nello specifico la bevanda consigliata dagli esperti è il succo di melograno.

Il succo di melograno aiuterebbe il nostro cervello a restare giovane

Quest’ultima, infatti, sarebbe in grado di tenere il cervello giovane se accompagnata da altre piccole condizioni come bere molto, mantenere un peso ideale e consumare del pesce azzurro oltre alla predetta frutta e verdura.

Il consumo di melograno, come hanno dimostrato diversi esperti, inoltre, aiuterebbe persino a prevenire 5 tipi di cancro. A dare questi effetti neuro protettivi al frutto, infine, sarebbero gli elagittanini come dimostrato in uno studio effettuato su dei topi, i quali hanno migliorato la loro stabilità posturale e hanno visto una maggiore sopravvivenza dei neuroni.