Hugo Millán, pilota 14enne muore dopo essere stato investito durante la gara European Talent Cup

Hugo Millán è deceduto a seguito di un gravissimo incidente che si è verificato al FIM CEV Repsol sul circuito MotorLand Aragón nella gara della European Talent Cup.

Millán è morto questa domenica 25 luglio nella gara dopo aver avuto un incidente al MotorLand Aragón.

Hugo Millán pilota a 14 anni

Il pilota della MOTO3 Hugo Millan è morto a soli 14 anni dopo un tragico incidente al MotorLand Aragon.

Così ha perso la vita l’adolescente stava gareggiando nella European Talent Cup quando è caduto dalla sua moto a 13 giri dal traguardo.

Successivamente alla caduta il giovanissimo pilota è stato accidentalmente investito da un altro pilota. La gara è stata fermata mentre la bandiera rossa è stata fatta immediatamente sventolare.

Millàn ha ricevuto subito le prime cure di emergenza in pista, prima di essere trasportato in elicottero all’ospedale di Saragozza.

Nonostante l’impegno profuso dai medici dell’ospedale, questi non sono stati in grado di salvarlo e il giovane è tragicamente scomparso, mandando in lutto il mondo dello sport.

Leggi anche -> Carlo Conti, la crisi con la moglie, matrimonio a rischio: il periodo buio

Leggi anche -> Christian De Sica, la terribile malattia: “Ha colpito anche me”

Tragedia in pista, cordoglio del mondo dello sport

Sulla pagina twitter ufficiale del CEV si è saputo che il giovane è morto in ospedale, mentre le gare previste sono state cancellate in segno di lutto.

La sua squadra Cradle of Champions ha scritto in segno di omaggio che del giovane si ricorderà sempre il suo sorriso, il grande cuore e la sua professionalità.

Millàn era un talento molto apprezzato, uno dei giovani piloti più promettenti della Spagna.

Il giovane è arrivato al MotorLand Aragon secondo nella classifica della European Talent Cup con 86 punti, avendo ottenuto quattro podi e due pole position in questa stagione.

L’incidente di Millàn arriva poco tempo dopo da quello avvenuto a Jason Dupasquier al Mugello solo  il 29 maggio scorso.

Anche in questo caso mortale non fu la caduta, ma l’investimento del giovane da parte del pilota che lo seguiva.