Marcell Jacobs medaglia irregolare, gli inglesi chiedono l’annullamento: interviene il CONI

Una medaglia che ha fatto sognare tutti gli italiani quella di Marcell Jacobs: gli inglesi lo accusano di doping, interviene così il Presidente del CONI.

Il grande campione rischia di vedere nullificata la sua medaglia d’oro? L’accusa arriva di nuovo dagli inglesi, che già dopo gli europei avevano accusato la Nazionale di aver strappato la vittoria all’Inghilterra indebitamente.

LEGGI ANCHE –> Marcell Jacobs, la bellissima compagna spopola sul web: curve da urlo! FOTO

LEGGI ANCHE –> Alex Zanardi, la moglie rompe il silenzio: ‘Non riesce a parlare’

Marcell Jacobs, medaglia non meritata. L’accusa: “Ha fatto uso di doping”

Dopo solo qualche ora dalla vittoria di Marcell Jacobs che si è guadagnato il titolo di ‘uomo più veloce del mondo’ sono piovute accuse pesantissime: alcuni media britannici hanno persino sottolineato che l’atleta non meritasse la medaglia in quanto raggiunta con delle irregolarità, ovvero facendo uso di sostanze dopanti.

Lo stesso Matt Lawton, noto giornalista del Times, ha cinguettato con tono polemico:

“Il nuovo campione olimpico dei 100 metri, Marcell Jacobs, è sceso sotto i 10 secondi per la prima volta a maggio. È venuto qui e ha corso in 9.84 la semifinale e 9.80 la finale. Ah, bene”.

Ovviamente è chiaro che il giornalista intende sottolineare che c’è qualche cosa di strano e che Marcell abbia usato qualcosa per diventare più veloce.

Prima la Nazionale di calcio, adesso le Olimpiadi

C’è un po’ di accanimento da parte degli inglesi contro gli sportivi italiani, questo è evidente. Sicuramente la cocente sconfitta agli Europei ha peggiorato il tutto. Gli azzurri di Mancini erano stati accusati di essere favoriti dall’arbitro.

Ma anche sul fronte della musica non sono mancate accuse e polemiche. Si pensi alla vittoria dei Maneskin agli Eurovision Song Contest seguita dall’accusa a Daniamo di fare uso di droghe.

Questa volta è intervenuto a difesa di Marcell Jacobs accusato di doping, il Presidente del CONI.

Giovanni Malagò, Presidente del CONI, ai microfoni di Rai Radio1 ha sentenziato.

“Jacobs accusato di doping? Le considerazioni di alcuni vostri colleghi sono veramente fonte di grande dispiacere e anche imbarazzo sotto tutti i punti di vista. Dispiace che qualcuno dimostri di non saper accettare la sconfitta. Ha risposto bene Paolo Camossi, allenatore di Marcell.

In effetti non c’è sana sportività quando vengono mosse accuse simili senza fondamento:

Parliamo di atleti che vengono sottoposti quotidianamente ai controlli antidoping e quando fanno un record tutto si raddoppia. Il numero dei test è impressionante. Per questo la mia è una difesa a spada tratta di Marcell”.

Intanto Marcell ancora non ci crede di esserci aggiudicato lui la medaglia più ambita delle Olimpiadi:

“Avevamo detto che saremmo andati in finale e ci siamo andati. Abbiamo fatto il record europeo, poi ne abbiamo fatto un altro. Ah, e poi abbiamo vinto la finale. È andato tutto come doveva andare.

In effetti per lo sport italiano quest’anno è senz’altro memorabile:

Sono arrivato ai blocchi pensando solo a me stesso, a correre nel miglior modo possibile senza guardare gli avversari. L’ho fatto solo sulla linea del traguardo e quando mi sono accorto di essere davanti a tutti ho urlato come un pazzo”.

Una gioia incontenibile che ha emozionato tutto il mondo.