Il Ministero della Salute ritira diverse confezioni di burro: ecco i marchi a rischio

Il Ministero della Salute ha raccomandato alle persone celiache o intolleranti al glutine di non mangiare il burro contaminato.

burro
Sono diversi i lotti ritirati dal mercato

Il Ministero della Salute avrebbe ritirato dal mercato diversi lotti di burro appartenenti a marchi diversi e prodotti da Gra- com per la presenza non dichiarata di glutine. Tra i prodotti a rischio, ad esempio, vi è anche il burro Granarolo Expert nel formato da 1000 grammi appartenente ai lotti numero 040921 con scadenza 04/09/2021, 090921 con scadenza 09/09/2021 e 160921 con scadenza 16/09/2021.

I lotti contaminati sono facilmente riconoscibili dal loro numero e dalla scadenza

Ma non solo, anche il Granarolo Foodservice sarebbe coinvolto dal provvedimento con le sue confezioni da 125 pezzi da 8 grammi (8gx125pz), con le scadenze 28/08/2021, 09/09/2021, 16/09/2021, 06/10/2021 e 13/10/2021.

Leggi anche —> Ritirati lotti di burro della Granarolo e del Buon Pascolo a causa di allergeni non dichiarati

Continuiamo la lista dei prodotti messi fuori mercato con il burro Badget nel suo formato da 250 gr appartenente ai lotti 040921 con la data di scadenza 04/09/2021 e 160921 con scadenza 16/09/2021.

Continuando, persino il burro Bur-Bon da 1000 grammi appartenente ai lotti numero 090921 con scadenza 09/09/2021 e 160921 con scadenza 16/09/2021 è stato messo sotto sequestro.

Tra i tanti prodotti ritirati segnaliamo, infine, il burro Nonna Tita, in formato da 250 grammi, appartenente ai lotti numero 280821 con scadenza 28/08/2021 e 040921 con scadenza 04/09/2021.

Leggi anche —> Burro Buon Pascolo richiamato: rischio presenza allergeni

Anche all’inizio di luglio furono ritirati alcuni prodotti della Gra- com S.r.l.

Tutti i lotti richiamati, inoltre, sono stati inviati nello stabilimento di Castelfranco Emilia della Gra- Com S.r.l. Sfortunatamente, inoltre, questa non è la prima volta che l’azienda viene richiamata per della glutine non dichiarata nel loro burro.

La società, infatti, subì lo stesso destino anche lo scorso 8 luglio. Il consiglio, ovviamente, è quello di non consumare, se li avete in casa, i prodotti citati soprattutto se risultate intolleranti alla glutine o soffrite di celiachia.