Al Bano, la figla Romina Carrisi finita a lavorare in uno strip club

La figlia di Al Bano ha voluto raccontare tutto: Romina Carrisi ha svelato dei suoi lavoro e della voglia di sentirsi ‘normale’.

Al Bano è sempre stato molto orgoglioso dei suoi figli anche se a volte hanno fatto scelte che non ha condiviso nella totalità. Romina Carrisi, per esempio, ha scelto di lavorare in uno strip club. Lei stessa ha voluto spiegare il perché di questa strana scelta.

LEGGI ANCHE –> Al Bano devastato dalla malattia della figlia: ‘È dura vederla stare male’

LEGGI ANCHE –>Romina Power, capelli cortissimi e frangetta: non sembra lei, look diversissimo | FOTO

Al Bano, la figlia Romina Carrisi si racconta

Non ha peli sulla lingua Romina Carrisi, come mamma Power d’altronde: la figlia di Al Bano ha voluto parlare del suo passato raccontando aneddoti inediti circa le sue esperienze lavorative a Los Angeles

La figlia di Al Bano e Romina ha scelto di provare la carriera di attrice ricalcando così le orme dei nonni materni. In America ha quindi studiato recitazione e tante discipline dello spettacolo un’intervista al Fatto Quotidiano, infatti, ha raccontato che durante quei mesi ha lavorato anche in un locale di spogliarelli.

“Non mi sono mai sentita una figlia di papà”

La 34enne ha voluto vivere un’esperienza particolare ma non aveva mai rivelato di essere finita a lavorare in un locale ‘per uomini’:

“Volevo vivere una straordinaria normalità. Semplicemente avevo bisogno di provare esperienze nuove, di tuffarmi in un mondo completamente sconosciuto. Ho osservato molto, mi sono divertita, ho fatto incontri assurdi”.

In California, ha avuto modo di conoscere diverse star del cinema:

“Ogni tanto arrivava Quentin Tarantino: gli piaceva una ragazza che somigliava molto ad Uma Thurman”.

Poi ha svelato che lei e tutte le altre cameriere spesso era costrette a cedere le loro mance al manager del locale:

“Un tipo stron*issimo

Anche lei riceveva delle mance ma aveva escogitato un metodo per evitare di cedere i suoi soldi al ricatto del manager.

Romina e la mancia da 100 dollari

Una sera un cliente iraniano s’innamora di me e mi rifila mance da 100 dollari, così correvo in bagno e m’infilavo di nascosto le banconote negli stivali. A fine serata il capo mi disse:

‘Com’è che non hai tirato su manco dieci dollari?’.

Romina racconta:

Io feci la faccia da svampita e me ne andai soddisfatta, con le banconote nello stivale”.

L’astuzia paga sempre!