Allerta alimentare, indagine da parte del Ministero della Salute: “Non mangiare questo pesce!” – LISTA

Un’Allerta alimentare’, è stato diramato Ministero della Salute, dopo che una lista di lotti sono stati respinti alle frontiere.

In Europa a presiedere al controllo alimentare c’è il RASFF, cioè Allarmi per la sicurezza degli alimenti e dei mangimi.

Controlli alimentari in Europa

L’UE ha uno dei più alti standard di sicurezza alimentare nel mondo – in gran parte grazie alla solida serie di legislazione europea in vigore, che assicura che il cibo sia sicuro per i consumatori.

Uno strumento chiave per assicurare la  circolazione delle informazioni, e consentire una reazione rapida quando vengono rilevati rischi per la salute pubblica nella catena alimentare è il RASFF – il sistema di allarme rapido per alimenti e mangimi.

Tutte le informazioni che scambiate attraverso RASFF sono di vitale importanza, in quanto possono portare al ritiro dei prodotti dal mercato.

Si tratta di un solido sistema, che è maturato nel corso degli anni.

In tal senso il RASFF continua a dimostrare il suo valore per garantire la sicurezza alimentare nell’UE e oltre.

Leggi anche -> Tempation Island, la Vignali mostra le chat di Stefano: volano schiaffi e calci al falò

Leggi anche ->  Clio MakeUp, 20 kg in meno dopo una dieta speciale: irriconoscibile! Cosa ha dovuto eliminare

Allerta alimentare pesce contaminato

In questi giorni si sono avute degli allerta sanitari relativi ad esempio alla presenza di allergeni non dichiarati in alcuni biscotti.

Ma l’allarme è scattato anche in occasione della scoperta di “benzene”, una sostanza dichiarata cancerogena, in alcune creme solari e spry a marchi Neutrogena e Aveeno.

A questi si è andata ad aggiungere un altro allerta alimentare in tutta Italia per una nuova segnalazione, diffusa dal Sistema rapido di allerta europeo (RASFF), che riguarda sia gli alimenti che i mangimi.

Da parte del Rasff si è sottolineato che alcuni prodotti distribuiti anche in Italia sono risultati contaminati.

È emerso che all’interno di salmone affumicato norvegese, che  proviene dalla Polonia, sono stati rinvenuti dei corpi estranei.

Inoltre è stata scoperta una sostanza non autorizzata all’interno di cibo per animali che viene prodotto in Germania, si tratta della polvere di moringa biologica che arriva dall’India.

È stata fatta una lista che è stata diffusa, dove viene comunicato che delle larve di anisakis si trovano nello sgombro fresco proveniente dall’Olanda.

Scopriamo la lista di lotti che sono stati respinti alle frontiere.

  • Listeria Monocytogenes all’interno di formaggio Cheddar proveniente dall’Irlanda.
  • Ingredienti OGM all’interno di vermicelli istantanei provenienti dalla Cina.
  • Mercurio in lombi di pesce spada provenienti dalla Spagna.
  • Norovius all’interno di vongole veraci provenienti dalla Spagna.
  • Istamina ed E300 all’interno di tonno congelato proveniente dall’India.

Se avete consumato uno dei prodotti in elenco, informate il negozio dove è stato acquistato e il vostro medico di fiducia.