Marcell Jacobs, la denuncia “Ha usato un trucco per vincere”: cosa ha fatto durante la gara

Una brutta accusa quella che sta rendendo più amara la vittoria alle Olimpiadi di Marcell Jacobs. Ecco di cosa è stato accusato.

Sono diversi gli sportivi che credono che quella di Marcell Jacobs non sia una vittoria meritata. Il fatto che l’atleta abbia avuto uno slancio finale così netto ha fatto storcere il naso a molti che hanno cominciato ad indagare sulle possibile cause del suo successo.

Questa volta a puntare il dito contro di lui sono proprio i suoi colleghi che hanno evidenziato un possibile trucco usato dal campione per vincere la gara.

LEGGI ANCHE –> Marcell Jacobs medaglia irregolare, gli inglesi chiedono l’annullamento: interviene il CONI

LEGGI ANCHE –>Marcell Jacobs, la bellissima compagna spopola sul web: curve da urlo! FOTO

Marcell Jacobs ha usato un trucco per vincere? Bolt lo accusa

A muovere accuse contro il neo campione Marcell Jacobs è l’ex campione del mondo Usain Bolt, ma non è di certo l’unico. In tanti credono che lo scattista sia stato agevolato da un trucchetto che viene alla luce proprio in queste ore.

A suscitare polemiche sono le calzature che il campione ha indossato durante la gare. Secondo i suoi colleghi quel tipo di scarpe aiuta ad avere dei momenti più fluidi e falcate più ampie. Bolt sostiene che utilizzarle nell’ambito di una gara così importante sia ingiusto.

Ma di certo non sono le scarpe ad aver fatto la differenza. Marcell si è guadagnato quella medagli allenandosi tutti i giorni con forza e grinta.

Marcell ha messo delle scarpe ‘col trucco’?

Le scarpe in questione, secondo i colleghi malfidati del campione, danno la sensazione di volare, rendendo la falcata più leggera. In realtà sono solo accuse che forse nascono da una invidia e da uno stupore: non c’è di certo nessun segreto illegale. L’aiutino non arriva dal doping né da altri intrugli speciali. Le scarpe forniscono a tutti gli atleti un ottimo supporto ma non li rendono più veloci.

Le scarpe di Marcell agevolano le performance grazie a modifiche tecniche che Usain Bolt, leggenda vivente dell’atletica, ha definito “strane e ingiuste”, ai limiti del “ridicolo” commentando solo qualche settimana fa la decisione della federazione internazionale di aprire a innovazioni del genere.

Anche Trayvon Bromell, inizialmente favorito nella gara accusa il trucchetto definendo le calzature di Jacbos  ‘scarpette miracolose’ con uno sberleffo. Era arrivato alle Olimpiadi di Tokyo forte del personale di 9″77, e come sappiano non è riuscito ad agguantare la vittoria:

“Non credo che ci siano molti dati per dimostrare che i miglioramenti siano così palesi”

Infine, anche il norvegese, Warholm, dopo la grande vittoria nella sua specialità ha criticato l’utilizzo di quelle scarpe, che ricordiamo sono del tutto regolari:

“Utilizzarle penso che tolga credibilità al nostro sport”.

In realtà, Marcell non era l’unico ad indossarle in queste Olimpiadi. Le aveva il suo avversario Rai Benjamin ma non sono state sufficienti ad aggiudicarsi la vittoria su di lui.