Nonna salva la vita di suo nipote donandogli parte del fegato

La donna si sarebbe offerta di donare parte del suo fegato al nipote il quale è affetto da una rara patologia.

fegato nipote
Senza l’intervento il bambino non sarebbe sopravvissuto

Una storia fantastica quella che ha coinvolto questa nonna, la quale ha salvato suo nipote donandogli parte del suo fegato. La 55enne Sengan Haydon ha messo in gioco la sua stessa vita, sottoponendosi ad uno dei primi interventi da nonna a nipote di tutta la Gran Bretagna.

Senza l’aiuto della donna per il trapianto si sarebbe dovuto aspettare oltre un anno

Il piccolo Hudson Penning, infatti, aveva solamente 13 mesi quando le fu diagnosticato la terribile sindrome di Alagille. Secondo i medici del King’s College Hospital di Londra, infatti, la malattia da li a poco avrebbe distrutto le sue funzioni vitali.

Ai genitori di Hudson, quindi, è stato detto come l’attesa per il trapianto sarebbe potuta essere di oltre un anno, periodo in cui gli organi del piccolo avrebbero continuato il loro lento degrado. Proprio per questo motivo sarebbe scesa in campo la nonna del ragazzo.

L’intervento, durato all’incirca tre ore, è riuscito alla perfezione

Dopo un intervento durato all’incirca tre ore, dunque, i medici sono riusciti a recuperare parte del fegato rimuovendo le costole ed andando ad incidere dalla pancia alla gabbia toracica.

Leggi anche —> Babysitter dimentica la bimba di due anni in auto: ritrovata morta dopo 7 ore

La madre di Hudson, quindi, ha spiegato come la scelta di sua madre è stata la migliore. I genitori, infatti, adesso potranno prendersi cura del piccolo mentre a sua nonna, durante la guarigione, penserà suo marito.

Leggi anche —> Stroncata da un aneurisma improvviso: Carolina Palizzolo muore a 27 anni

Nonostante l’enorme apprezzamento nei confronti della donna, più volte i genitori del bambino hanno cercato di farla desistere in caso non fosse sicura al 100%. Il coraggio della nonna però si è dimostrato senza uguali tanto da sottoporsi all’operazione e salvare la vita del suo nipotino.