Salute, ecco come dei comuni disturbi possono mettere in difficoltà il nostro cuore

Dormire poco e male per lunghi periodi può portare diversi problemi di salute tra cui alcuni che mettono a rischio il nostro cuore.

cuore
La combinazione di diabete ed insonnia potrebbe essere fatale per il nostro cuore

Dormire è uno degli aspetti fondamentali per il benessere del nostro corpo, se si riposa poco e male, infatti, il nostro organismo potrebbe risentirne manifestando diversi problemi che possono coinvolgere anche la salute del nostro cuore.

Chi soffre di insonnia grave, ad esempio, lamenta spesso sonnolenza diurna accompagnata da difficoltà nello svolgere attività quotidiane, ma non solo. Spesso la mancanza di ore di sonno regolari può portare a stati d’ansia e di depressione.

A causare l’insonnia possono essere delle apnee notturne che ci farebbero mancare il respiro

Leggi anche —> Ecco come abbassare il colesterolo e ridurre il rischio di infarto

In quest’articolo, quindi, nello specifico, vedremo quali sintomi possono portare a malattie del cuore. Prima di procedere però, andremo ad analizzare insieme quali sono le cause che portano all’insonnia. Le più comuni, ad esempio, sono causate dalle apnee notturne, una forma di patologia cronica che porta all’interruzione del sonno facendoci mancare il fiato.

Leggi anche —> Troppe uova aumentano il rischio di infarti e ictus. Arriva la conferma

In uno studio è stato stabilito come alcune apnee possono arrivare a 10 secondi

Questi momenti di apnea possono capitare diverse volte nel corso di una sola notte ma la persona affetta dalla patologia potrebbe persino non ricordarlo. Se a questo problema sommiamo l’essere affetti da diabete la situazione potrebbe peggiorare rapidamente.

Secondo uno studio, nello specifico, chi soffre di insonnia e diabete insieme ha l’87% in più di morire di infarto. Utilizzando oltre 500.000 volontari affetti da apnea notturna, quindi, gli scienziati della Northwestern University Feinberg School of Medicine hanno stabilito come il problema sia reale con alcuni pazienti che sono rimasti quasi 10 secondi senza respirare.