Bonus TV: chi non è in regola con il Canone RAI non può avere il bonus TV di 100 euro

Per godere del bonus TV di 100 euro è fondamentale essere in regola con il pagamento del Canone RAI.

Ma una categoria di persone può ugualmente usufruire di questo beneficio anche se non in regola. Scopriamo di chi tratta.

Bonus TV di 100 euro

Il passaggio al nuovo standard della televisione digitale terrestre (DVB-T 2 con codifica Hevc main 10), è stato facilitato dal legislatore grazie ad un bonus TV nella misura del 20% del prezzo di acquisto fino ad un massimo di 100 euro.

Questo bonus viene applicato al momento dell’acquisto dal venditore sul prezzo di vendita. Il rivenditore potrà poi recuperare nella forma del credito d’imposta da utilizzare in compensazione.

Il bonus è nato come sostegno di quanti devono sostituire il vecchio televisore con uno nuovo televisore in linea con il nuovo standard.

I requisiti richiesti per il bonus

Il bonus TV non è legato all’ISEE del nucleo familiare e per una sola volta, queste le condizioni per riceverlo:

  • rottamazione del vecchio televisore non in linea con il nuovo standard,
  • avere la residenza in Italia,
  • essere in regola con il pagamento dell’abbonamento RAI.

Il bonus appena indicato si può cumulare con l’altro bonus TV di 50 euro, che spetta a chi ha un ISEE familiare fino a 20.000 euro. Tuttavia il bonus di 50 euro scende a 30 euro.

Leggi anche -> Afragola in lutto per Silvio Moccia, il 17enne morto incidente

il canone RAI

Tuttavia, c’è una categoria di contribuenti che non ha bisogno di essere in regola con i pagamenti del canone.

Stiamo parlando degli over 75 con reddito complessivo non superiore a 8.000 euro.

Va ricordato che gli esonerati devono comunque presentare apposita richiesta all’Agenzia delle Entrate facendo riferimento al 2021:

  • la domanda di esenzione si doveva presentare entro il 30 aprile 2021, se il compimento del 75° anno di età è avvenuto entro il 31 gennaio 2021.
  • La richiesta di esenzione va presentata entro il 20 agosto 2021 (la scadenza era in realtà il 31 luglio, ma è passata al 20 agosto per via della pausa estiva).
  • Se il compimento del 75° anno di età avviene entro il 31 luglio 2021 l’esonero è solo per il secondo semestre dell’anno.

Leggi anche -> Mente acuta e reattiva dopo i 60 anni? Teniamola in allenamento con questi esercizi