Cronaca, muore in un incidente stradale Davide Bortolotti: era il pasticciere di Gino Fabbri

Bortolotti sarebbe stato colpito frontalmente da un’Alfa Romeo mentre viaggiava sulla sua bicicletta.

Bortolotti
Gino Fabbri ha ricordato con un commovente messaggio il suo collega

E’ stato un terribile incidente quello che ha portato via Davide Bortolotti pasticcere 47enne di Ozzano. Il sinistro, avvenuto a Castel San Pietro Terme, non ha lasciato scampo all’artista della cucina. Quest’ultimo, infatti, si trovava a bordo della sua bicicletta quando un’Alfa Romeo l’ha colpito frontalmente.

La bicicletta e l’automobile al momento dell’impatto si trovavano in due sensi di marcia opposti

A colpire il noto pasticcere, il quale è stato maestro di panettoni di Gino Fabbri, sarebbe stato un uomo di 69 anni. Secondo le prime ricostruzioni effettuate dalla Polizia locale, l’Alfa Romeo e la bicicletta percorrevano la strada in due sensi di marcia opposti lungo un rettilineo quando è avvenuto l’impatto.

Leggi anche —> San Giovanni Lupatoto, un frontale stronca la vita ad un 58enne

L’uomo che ha causato l’incidente, dunque, è stato accusato di omicidio colposo e la sua auto è stato sottoposta al sequestro dagli agenti. Visibilmente addolorato dalla vicenda Gino Fabbri che ha commemorato il suo collega sui social.

Leggi anche —> Afragola in lutto per Silvio Moccia, il 17enne morto incidente

Bortolotti ha passato 25 anni della sua carriera insieme a Gino Fabbri

Quest’ultimo ha ricordato come Davide Bortolotti si era presentato in punta di piedi nella sua pasticceria appena finita la scuola alberghiera. Stando ai racconti dello chef, Davide era timido e curioso ma allo stesso tempo tenace e pignolo.

Fabbri, infatti, si è augurato che anche da lassù potrà continuare a sgridare chi sbaglierà gli impasti per poi sussurrargli come risolvere il problema. Al cordoglio, infine, si è unito anche la comunità di Ozzano. Sua moglie, infatti, lavora da tanti anni al Comune come confermato dal sindaco della città, il quale ha espresso le proprie condoglianze attraverso il giornale locale.