La Spezia, motociclista di 58 anni muore travolto da un’automobile

L’impatto con l’automobile avrebbe spinto Brunello Bocchibianchi, questo il nome della vittima, all’interno di una scarpata.

automobile
A provocare l’incidente sarebbe stato un possibile malore del centauro

Un altro tragico incidente si è sviluppato in questo fine settimana lungo le strade italiane. Ancora una volta a causare una vittima sarebbe stato un violento scontro tra una moto ed un’automobile.

Nello specifico il sinistro si sarebbe verificato al Passo del Bracco, in provincia di La Spezia. Ad avere la peggio, quindi, sarebbe stato Brunello Bocchibianchi, un centauro di 58 anni originario di Lucca e residente a Lerici.

L’incidente, dunque, si sarebbe verificato la scorsa domenica 8 agosto alle 10 e 40 del mattino lungo i tornanti dell’Aurelia che collegano Moneglia a Casarza Ligure. Il motociclista dunque, il quale era in sella alla sua Bmw blu, si stava dirigendo verso Sestri Levante quando è stato travolto da una Mercedes classe A.

Le persone all’interno della Mercedes non avrebbero subito lesioni nell’incidente

Leggi anche —> Incidente mortale: perde il controllo dell’auto e muore un 29enne, volando nel piazzale di un’azienda

A bordo dell’auto, inoltre, vi erano 4 cittadini provenienti dalle Marche e diretti a La Spezia. Quest’ultimi, infine, non avrebbero riportato lesioni o ferite di alcun tipo. Nell’impatto Bocchibianchi sarebbe stato sobbalzato nel bosco posto ai lati della strada.

Leggi anche —> Diano Marina, un incidente stradale costa la vita ad un giovane di 19 anni

Probabilmente il motociclista è stato colto da un improvviso malore

Le forze dell’ordine sono ancora a lavoro per ricostruire le dinamiche dell’incidente che ancora oggi appaiono poco definite. Al momento l’ipotesi più accreditata è quella di un malore accusato dal centauro.

Un medico di passaggio, infatti, avrebbe trovato Brunello a terra. Successivamente sarebbe stato persino avvertito l’elitrasporto ma per l’uomo ormai non ci sarebbe già stato nulla da poter fare. Non resta, dunque, che aspettare lo sviluppo delle indagini per saperne di più.