Salute, pesticidi nelle merendine: un intero lotto ritirato dal mercato

Le merendine che sono state ritirate dal mercato perché contenenti pesticidi sono le Bisfrolline con Mirtillo e Mora Confezione 200g.

merendine
Il consiglio è di restituire i prodotti contaminati al supermercato dove li abbiamo acquistati

Non accennano a fermarsi le segnalazioni riguardanti merendine contaminate. Quest’ultime, infatti, conterrebbero al loro interno un pericoloso pesticida: l’ossido di etilene. Ad effettuare il richiamo, in questo caso, è stata la Bennetti che ha ritirato un lotto alla mora rossa ed al mirtillo nero.

Sono sempre più frequenti i casi di cibi ritirati dal mercato per la presenza di pesticidi

Un aumento preoccupante quello dei cibi contaminati dal predetto pesticida. Sia in Italia che all’estero i ritiri per colpo dell’ossido di etilene sono aumentati notevolmente nell’ultimo periodo. L’ultimo prodotto ad essere stato bloccato, inoltre, è una merendina chiamata Bisfrolline con Mirtillo e Mora, nella sua confezione da 200g.

Leggi anche —> Allerta salute: non toccate la Panace di Mantegazza, nasconde grossi pericoli per la salute di chi la tocca

I lotti contaminati possono essere riconosciuti tramite il loro numero

Ad aver messo in commercio ed aver prodotto quest’ultimo è stata la Dolciaria Val d’Enza S.p.A. nella loro sede a Canossa, in provincia di Reggio Emilia. Ad essere contaminati, quindi, sono stati i lotti con il numero: 1L064-1L113-1L127-1L155-1L183. Questi lotti hanno rispettivamente la data di scadenza: 15/10/21 – 30/11/21 – 15/12/21 – 15/01/22 – 15/02/22.

Leggi anche —> Salute, con un solo grammo di questo ingrediente potremo avere un cuore sano e meno malattie

Questo pesticida però non si ferma solo alle merendine, esso, infatti, può arrivare ad attaccarsi ad ogni genere di prodotto alimentare come: bevande, burger e sostituti vegetali della panna da cucina, yogurt, prodotti senza glutine, integratori alimentari, sughi, pasticceria, gelati e sorbetti.

Ad intervenire sulla vicenda è stato Giovanni D’Agata, il presidente dello “Sportello dei Diritti”, il quale ha consigliato di non consumare per nessun motivo il prodotto e restituirlo al punto vendita dove l’abbiamo comprato.

Previous articleLa Spezia, motociclista di 58 anni muore travolto da un’automobile
Next articleKhaby Lame ex operaio di fabbrica in Italia, fa la sua fortuna su TikTok