Salute, pesticidi nelle merendine: un intero lotto ritirato dal mercato

Le merendine che sono state ritirate dal mercato perché contenenti pesticidi sono le Bisfrolline con Mirtillo e Mora Confezione 200g.

merendine
Il consiglio è di restituire i prodotti contaminati al supermercato dove li abbiamo acquistati

Non accennano a fermarsi le segnalazioni riguardanti merendine contaminate. Quest’ultime, infatti, conterrebbero al loro interno un pericoloso pesticida: l’ossido di etilene. Ad effettuare il richiamo, in questo caso, è stata la Bennetti che ha ritirato un lotto alla mora rossa ed al mirtillo nero.

Sono sempre più frequenti i casi di cibi ritirati dal mercato per la presenza di pesticidi

Un aumento preoccupante quello dei cibi contaminati dal predetto pesticida. Sia in Italia che all’estero i ritiri per colpo dell’ossido di etilene sono aumentati notevolmente nell’ultimo periodo. L’ultimo prodotto ad essere stato bloccato, inoltre, è una merendina chiamata Bisfrolline con Mirtillo e Mora, nella sua confezione da 200g.

Leggi anche —> Allerta salute: non toccate la Panace di Mantegazza, nasconde grossi pericoli per la salute di chi la tocca

I lotti contaminati possono essere riconosciuti tramite il loro numero

Ad aver messo in commercio ed aver prodotto quest’ultimo è stata la Dolciaria Val d’Enza S.p.A. nella loro sede a Canossa, in provincia di Reggio Emilia. Ad essere contaminati, quindi, sono stati i lotti con il numero: 1L064-1L113-1L127-1L155-1L183. Questi lotti hanno rispettivamente la data di scadenza: 15/10/21 – 30/11/21 – 15/12/21 – 15/01/22 – 15/02/22.

Leggi anche —> Salute, con un solo grammo di questo ingrediente potremo avere un cuore sano e meno malattie

Questo pesticida però non si ferma solo alle merendine, esso, infatti, può arrivare ad attaccarsi ad ogni genere di prodotto alimentare come: bevande, burger e sostituti vegetali della panna da cucina, yogurt, prodotti senza glutine, integratori alimentari, sughi, pasticceria, gelati e sorbetti.

Ad intervenire sulla vicenda è stato Giovanni D’Agata, il presidente dello “Sportello dei Diritti”, il quale ha consigliato di non consumare per nessun motivo il prodotto e restituirlo al punto vendita dove l’abbiamo comprato.