Reazione a catena fa coming out in diretta: insulti e minacce sui social

Sara Vanni, concorrente di Reazione a catena, al centro delle polemiche. La donna insultata per il suo coming out. Ecco tutti i dettagli.

Sara Vanni, insulti e minacce per la concorrente di Reazione a catena. La donna denuncia gli haters e che l’hanno attaccata. Vediamo tutti i dettagli.

Chi è Sara Vanni, la concorrente super chiacchierata di Reazione a catena

Sara Vanni è protagonista di Reazione a catena insieme a Giovanna Tiene Valentina Quaranta. Le tre donne formano il trio le Sibille che sta spopolando nel game show di Rai Uno condotto da Marco Liorni.

Nelle ultime ore Sara è al centro di diverse polemiche per via del suo coming out che ha suscitato l’ilarità incompresa degli haters e dei leoni da tastiera. Vediamo però qualche informazione in più su di lei.

Sara Vanni ha 29 anni, è di Torino, si laurea in lettere a Siena con indirizzo in arti figurative e dello spettacolo. Consegue la magistrale in media radiotelevisivi presso l’Università La Sapienza di Roma con una tesi interessante sul nuovo intrattenimento televisivo nel panorama italiano.

Consegue anche un diploma in counseling relazionale e un master in programmazione neurolinguistica. Lavora come articolista pubblicista e come speaker radiofonica.

Contemporaneamente collabora anche come copywriter per un’agenzia ed è insegnante di italiano. In passato si è occupata di teatro.

Nel tempo libero adora fare montaggi video, tenere podcast su Spotify su vari argomenti come astrologia, tarocchi e psicologia. È anche cantautrice. Ha inciso un pezzo dal titolo Era possibile che si trova sempre su Spotify.

sara vanni

Sara è particolarmente amata dai telespettatori che la seguono con passione nel game show di rai1, Reazione a catena condotto da Marco Liorni.

Già da qualche puntata Sara insieme alle sue amiche che formano parte del gruppo le sibille sono apprezzate campionesse e protagonisti dello show di rai uno.

Il pubblico ha immediatamente notato Sara per la sua bravura e la sua ironia tanto da creare per lei anche  meme e commenti divertenti.

Non sono mancate però anche critiche e antipatie che la giovane donna ha inizialmente accolto con ironia. Sul suo profilo Twitter, la ragazza ha scritto nella didascalia di presentazione:

“Sono Sara de le sibille, praticamente la più odiata dal web. Vi amo tutt*, i vostri meme e tweet mi spezzano BTW. Mi dispiace che la mia vitalità sia confusa con saccenza, ma se volete conoscerci meglio siamo qui”.

Molti hanno invece apprezzato Sara per la sua simpatia e la sua genuinità.

Gli haters e la denuncia di Sara

Sara Vanni, la campionessa in carica di reazione a catena insieme alle sue amiche forma parte del gruppo le sibille. Nelle ultime ore la donna è vittima di insulti e minacce sui social.

La cantautrice denuncia l’accaduto tramite Twitter:

“A causa delle minacce ricevute nei miei confronti, della mia famiglia e dei miei amici, ho esposto una querela verso alcuni profili e questa sera non commenterò sui social #reazioneacatena che, ricordiamo è un gioco e quello doveva restare”.

Da diverse puntate Sara con le sue amiche domina il gioco di Rai 1 Reazione a catena. Tuttavia la ragazza nelle ultime ore è vittima di insulti omofobi scritti a seguito del suo coming out.

Tutto questo odio la lascia senza parole:

“In tutto questo sono stata insultata anche per il mio orientamento sessuale. Se il DDL Zan fosse stato approvato, avrebbe costituito un aggravante”.

Le sibille nella vita di tutti i giorni sono insegnanti di italiano e dal 12 agosto detengono il titolo di campionesse di reazione a catena, il game show condotto da Marco Liorni. Fino ad ora le tre amiche hanno accumulato un montepremi di €91000 in gettoni d’oro.

Le reazioni social

Dopo il tweet di Sara Vanni, molti si sono schierati a favore della giovane insegnante mostrandole tutto il loro sostegno. Tanti commenti positivi hanno incoraggiato la Vanni a proseguire con la denuncia auspicando a breve una chiusura dei profili di questi leoni da tastiera che intaccano la sensibilità delle persone.

Per il momento, Marco Liorni, il presentatore del game show, non si è espresso sulla questione. Ha ricevuto però molte critiche proprio per non essere intervenuto su una questione così delicata esprimendo il suo parere.

Già qualche puntata fa, Marco Liorni era al centro dell’attenzione proprio la per via del suo carattere troppo remissivo. In più occasioni, alcuni gruppi di concorrenti hanno violato il regolamento del gioco dicendo pubblicamente delle parolacce.

Il conduttore ha sempre fatto finta di nulla proseguendo con il gioco. Questa sua noncuranza nei confronti del pubblico a casa ha indispettito i telespettatori.

LEGGI ANCHE —> Marco Liorni sbotta, brutta parola in diretta: regia costretta a bippare a Reazione a Catena