Una dipendente di un fast food ha lanciato delle forbici ad un cliente che si lamentava per l’attesa

L’episodio è diventato virale su Facebook dove è stato caricato persino il video della dipendente mentre lanciava le forbici

forbici
La donna dovrà rispondere all’accusa di aggressione aggravata

Una furiosa lite si è sviluppata in un fast food a Baltimore. Qui, infatti, un cliente si sarebbe lamentato per la sua lunga attesa, durata circa 20 minuti. A lasciare senza parole però è stata la reazione di una delle dipendenti alle parole dell’uomo. Quest’ultima, infatti, gli avrebbe lanciato un paio di forbici.

Dopo aver insultato il cliente, la dipendente del locale gli ha tirato delle forbici

Anthony Evans, quindi, questo il nome del cliente, avrebbe caricato il video dell’episodio su Facebook, il quale ha fatto rapidamente il giro del mondo. Stando al racconto di Evans, lui avrebbe semplicemente chiesto un paio di volte i motivi legati al ritardo nella consegna del suo ordine.

Leggi anche —> Clochard pestato da una banda di ragazzini a colpi di spranga: fermati 3 minorenni

A quel punto la dipendente del fast food ha iniziato ad inveire contro l’uomo mentre quest’ultimo riprendeva tutto con il suo cellulare. Successivamente la ragazza avrebbe detto di chiamarsi Nicole ed essere la responsabile del takeaway di Mount Vernon Chipotle.

Leggi anche —> Chiara, l’assassino: ‘Mi urtava i nervi, l’ho presa a calci in testa’ – la chat agghiacciante

La dipendente del fast food dovrà rispondere all’accusa di aggressione aggravata

Nicole, quindi, sarebbe passata rapidamente dalle parole ai fatti scagliando le forbici contro l’uomo. Evans, quindi, per tutta risposta, avrebbe chiamato la polizia per spiegargli l’accaduto. Gli agenti, infine, si sono recati al ristorante lo scorso 10 agosto per interrogare la donna accusata di aggressione aggravata.

Evans, infine, avrebbe ipotizzato come il lancio delle forbici sia stato dettato da una reazione nervosa scaturita dallo stress di vivere in città e a tutte le fatiche che questo comporta. Resta ad ogni modo un gesto da condannare e che speriamo non si verifichi più.