Gianni Nazzaro, la vedova confessa: “Non aveva più soldi nemmeno per il funerale | Chi l’ha pagato

Gianni Nazzaro: arriva una confessione inaspettata da parte della sua ex compagna. Nada Ovcina parla di grossi problemi economici. Ecco come hanno pagato il funerale. Tutti i dettagli.

Gianni Nazzaro muore a 72 anni lo scorso luglio a causa di una breve malattia. Oggi arriva una dichiarazione inaspettata da parte della sua compagna Nada Ovcina che racconta di grossi problemi economici a causa dell’ ex moglie. Ecco che cosa ha affermato l’artista.

Le dichiarazioni scioccanti di Nada Ovcina

Nada Ovcina è l’amore della vita di Gianni Nazzaro. Il cantante muore a 72 anni lo scorso luglio a causa di una breve malattia. Secondo quanto si apprende nelle ultime ore, l’artista versava in gravi condizioni economiche e organizzare i funerali per la moglie non è stato affatto semplice.

Intervistata dal settimanale Nuovo, l’attrice ha affermato:

“Quando Gianni ritornò da me, dopo la sua disastrosa unione con un’altra donna, aveva accumulato milioni di debiti e in seguito ha lavorato pochissimo. Di conseguenza siamo rimasti con i conti in rosso, come è successo a molti altri artisti. E in questo disastro oggi ho avuto il conforto di scoprire quante persone volevano bene a mio marito”.

La Ovcina ha fatto anche i nomi dei volti noti che le sono stati accanto nei momenti di grande difficoltà economica contribuendo anche materialmente ad aiutare la loro famiglia.

Tra questi ci sono Lino Banfi, Maurizio Costanzo, Sandro Giacobbe e Paola Delli Colli.

La Ovcina dice:

“Queste persone mi hanno aiutato concretamente a dargli una sepoltura dignitosa. Pinuccio Pirazzoli, direttore d’orchestra Rai, ha pagato la sua cremazione e anche gli orchestrali di Gianni, pur non essendo ricchi, hanno dimostrato solidarietà”.

La morte di Nazzaro

Gianni Nazzaro muore lo scorso luglio a 72 anni a causa di un tumore polmonare che aveva scoperto soltanto agli inizi del 2020 e del quale non aveva mai voluto parlare pubblicamente.

Nada Ovcina, suo grande amore, ha rivelato l’ultimo rimpianto del marito, quello di essere stato negli ultimi tempi escluso dal mondo dello spettacolo.

Questa condizione ha portato l’artista a cadere in una profonda spirale di depressione:

“Sono sicura che questo tarlo abbia contribuito alla sua fine, spingendolo a fumare sempre di più per calmare i nervi e distruggendo le sue difese immunitarie”.

Gianni è stato cremato per sua volontà e il funerale è stato realizzato grazie all’aiuto economico di altri personaggi del mondo dello spettacolo visto che la famiglia Nazzaro – Ovcina non aveva le risorse economiche sufficienti per poter garantire al cantante una degna sepoltura.

Gianni e Nada, storia di un grande amore

Gianni Nazzaro muore 27 luglio 2021 a causa di un tumore polmonare contro cui lottava dall’inizio del 2020. A dare l’annuncio della sua dipartita Nada Ovcina, sua compagna di vita nonché suo agente e ufficio stampa.

Nada nel giorno della sua morte fa una confessione inaspettata:

“Lui e io eravamo divorziati. Ogni tanto progettavamo di risposarci. Quando le sue condizioni si sono irrimediabilmente aggravate, Gianni mi ha chiesto di diventare sua moglie. Matrimonio in extremis, celebrato alle 3 del mattino in una stanza d’ospedale. Ma mi ha regalato un attimo di felicità: l’ultimo, purtroppo che rende il nostro legame eterno e indistruttibile”.

Nada e Gianni si erano sposati tanti anni fa e dal loro matrimonio sono nati due figli, Giovanni e Giorgia. I due però si separano quando Nazzaro si lega a Catherine Frank nota indossatrice francese nonché migliore amica della Ovcina.

Dalla loro unione nascono altri due figli, Davide e Mattia. Nel 2016 Nazzaro e la Ovcina riallacciano i rapporti dopo che l’artista subisce un grave incidente stradale a causa del quale perde un rene e rischia di rimanere paralizzato. I due decidono di darsi un’altra possibilità e di riprovare a costruire qualcosa insieme.

Le ultime parole di Gianni prima della sua morte

Gianni Nazzaro muore dopo poche ore dalla cerimonia privata che si svolge in ospedale al Gemelli di Roma in cui ha deciso di sposare per la seconda volta la sua Nada Ovcina.

Prima di andarsene però, l’artista ha voluto lasciare un messaggio a quanti, dopo la sua morte piangeranno per lui:

“Sappiate solo che avrei voluto tornare al festival di Sanremo, ma sono stato messo da parte a favore di artisti spesso privi di talento. Non voglio essere rimpianto o peggio, riscoperto: se avevo doti bisognava riconoscerle dal vivo”.

L’artista si toglie dunque qualche sassolino dalla scarpa prima di abbandonare definitivamente la vita terrena. Accanto a lui, al momento della dipartita, le sue figlie e l’amore della sua vita, Nada Ovcina.

LEGGI ANCHE —> Gianni Nazzaro, la terribile verità sulla malattia: la moglie rompe il silenzio