Avverte un forte mal di testa, Giovanni Gaeta muore a 29 anni: lutto a Giugliano

Una notizia che ha spiazzato l’intera comunità quella della morte di Giovanni Gaeta. Il giovane accusava forti mal di testa.

Alcuni notizie si fa fatiche ad accettarle. A Giugliano in Campania, la morte di Giovanni Gaeta è una di queste notizie, tanto terribili sa sembrare incredibili.

LEGGI ANCHE –> Stroncata dalla sclerodermia a 32 anni, Alessandra Mastronardi: l’addio straziante alla cugina

LEGGI ANCHE –>Alice Bruni stroncata da un infarto a 2 anni: l’agghiacciante morte

Giovanni Gaeta morto a 29 anni: diceva di avere mal di testa

Un dolore alla testa troppo acuto che ha pinto Giovanni Gaeta a chiedere aiuto. Il 29enne è stato ricoverato quanto prima ma per lui non c’è stato scampo. Dalle prime notizie circolate sulla scomparsa di Giovanni, nei giorni scorsi lo stupende aveva accusato un forte mal di testa mentre era al lavoro.

Il dolore è diventato sempre più forte e insopportabile: Giovanni, studente-lavoratore, aveva avvertito le prime avvisaglie del malessere mentre era a lavoro, a Nola. Con il passare delle ore, il dolore è diventato sempre più acute finendo per portare il ragazzo a perdere i sensi.

A questo punto è stato necessario richiedere l’intervento dei soccorritori del 118.

I tentativi di rianimazione

I medici dell’ospedale di Nola, Santa Maria delle Pietà, hanno subito ordinato il ricovero per il 29enne: il giovane uomo è stato trasferito all’ospedale del Mare. I medici hanno provato a salvarlo in tutti i modi ma a nulla sono valsi tentativi di rianimazione.

A stroncarlo, secondo una prima ipotesi sulla causa della morte del giovane studente, probabilmente è stata un’emorragia cerebrale. Ma perché la causa venga confermata ufficialmente è necessario disporre un’autopsia sul corpo del 29enne.

La notizia ha colpito nel profondo l’intera comunità: Giovanni era uno studente di architettura molto noto a Giugliano. Amava l’arte, la musica e soprattutto il cinema.

Purtroppo i suoi sogni si sono spenti troppo precocemente. Ci stringiamo al dolore della famiglia.