Bonus d’autunno: si inizia il 23 agosto con la rottamazione dei televisori

A settembre si chiuderanno le richieste per ricevere i sostegni alternativi ed il bonus rivolto alla rinegoziazione degli affitti.

bonus
Il passaggio al nuovo digitale terrestre avverrà ad ottobre

Sono circa una decina le agevolazioni, fiscali e non, a cui potremo accedere da oggi fino alla fine dell’anno. Ad inaugurare questa nuova ondata di bonus è stato un incentivo per la rottamazione della nostra vecchia televisione.

Il buono potrà essere utilizzato per acquistare un televisore compatibile con il nuovo digitale terrestre

Nello specifico chiunque consegnerà un televisore comprato prima del 22 dicembre 2018, avrà diritto ad uno sconto speciale del 20% sull’acquisto di un nuovo modello compatibile con i nuovi standard richiesti dal digitale terrestre.

Come detto, inoltre, questo bonus sarà rivolto a tutti non avendo limitazioni imposte dal reddito ISEE. Con l’arrivo del nuovo digitale terrestre, inoltre, potremo godere di una maggiore qualità delle immagini, oltre a ricevere il segnale di molti più canali. Lo switch off, infine, avverrà non prima del 15 ottobre e non più a settembre come previsto in un primo momento.

Leggi anche —> Bonus TV: chi non è in regola con il Canone RAI non può avere il bonus TV di 100 euro

Tax Credit sanificazione in arrivo ad ottobre

Leggi anche —> Doppio bonus senza Isee, ecco come accedere al nuovo provvedimento

Scadranno il prossimo 2 settembre, invece, le domande per il fondo perduto alternativo previsto dal Sostegni bis. Per accedervi, in questo caso, bisognerà aver avuto uno stipendio medio mensile, dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021, inferiore del 30% rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del periodo dal 1° aprile 2019 al 31 marzo 2020.

Con il provvedimento dello scorso 15 luglio, inoltre, l’Agenzia delle Entrate ha approvato l’introduzione di un nuovo credito d’imposta utile per la sanificazione degli ambienti e l’acquisto di dispositivi utili alla protezione individuale e dei lavoratori. Nello specifico, in questo caso, il credito sarà pari al 30% delle spese sostenute tra giugno, luglio ed agosto di quest’anno.