Uomo muore in un incidente: la figlia continua a chiedere quando tornerà a casa il suo papà

L’incidente è stato fatale per il 35enne il quale sarebbe morto sul colpo a causa di diverse ferite riportate alla testa.

incidente
L’uomo è stato travolto proprio dinanzi la porta della sua abitazione

I sinistri stradali, spesso, non hanno conseguenze solo per chi li subisce. Sono molti, infatti, i bambini restati orfani di un genitore a seguito di un impatto. Ad esempio ancora oggi la figlia di Vilnis Vancans continua a chiedere quando tornerà a casa suo padre, scomparso in un incidente.

Il ricordo della tragedia ha costretto la famiglia a trovarsi una nuova abitazione

Quest’ultimo sarebbe stato investito da un’auto in corsa appena fuori dalla loro abitazione. Il dolore per la perdita dell’uomo è stato così forte da costringere la famiglia a cambiare abitazione.

Secondo il Palazzo di Giustizia, quindi, l’uomo sarebbe morto sul colpo a causa delle molteplici ferite riportate alla testa. A travolgere il padre di famiglia sarebbe stato Adeel Khan, il quale stava andando ad una velocità oltre il limite con la sua Mini Cooper.

Adeel Khan per l’incidente causato è stato rinchiuso in carcere per 10 mesi

Leggi anche —> Cronaca, l’atleta 24enne muore in un incidente in moto

Nonostante ciò Khan avrebbe risposto che stava rispettando il limite viaggiando sulle 25 mph. A seguito dell’accuse, quindi, l’uomo è stato rinchiuso in carcere per 10 mesi. Una pena “giusta” secondo il giudice dato che ha rovinato la vita dell’intera famiglia Vancans.

Leggi anche —> Cesenatico, schianto tra due auto: morto un ventottenne Davide Benito Montana

Il giudice, infine, ha spiegato come è ovvio che l’uomo non sia sceso in strada con l’intenzione di uccidere ma allo stesso tempo l’autista doveva pagare per l’errore commesso. Ad incastrare l’uomo, nonostante non ci fossero testimoni, sono state le telecamere di sicurezza le quali hanno ripreso Khan colpire l’uomo proprio davanti la porta d’ingresso della sua abitazione in via Arundel.