Monete rare, che passione! Le vecchie Lire che valgono una fortuna

Chi scopre di avere delle monete rare delle vecchie 20 lire deve aguzzare la vista, potrebbero valere una fortuna anche oltre 300 euro.

Pensate alla canzone ‘Se potessi avere mille lire al mese’  era il ritornello di una famosa canzone del 1939.

Monete rare nel mondo della numismatica

Internet ha reso il mondo della numismatica, conosciuto in prevalenza come “collezionismo” è sempre più vasto e raggiungibile.

Sempre più di frequente si scoprono degli appassionati del collezionismo che, a caccia di pezzi unici, si affidano a portali specifici sia per vendere che per acquistare.

Il collezionismo non abbraccia solo le monete e i francobolli rari, ma anche i fumetti, libri, sneakers, dischi, vinili e persino i gadget degli ovetti di cioccolata. Ovviamente i prezzi sono proporzionati all’oggetto di culto cercato dal collezionista.

Ma come nasce la passione per il collezionismo? Il collezionismo è stato da sempre argomento di speculazione per teorici della cultura, psicologi, e finanche da parte degli stessi collezionisti.

Un celebre collezionista di antiquariato Mario Praz, una volta affermò che:

“sottoposta a psicanalisi la figura del collezionista ne esce male, e dal punto di vista etico c’è certamente in lui qualcosa di profondamente egoistico e limitato, di gretto addirittura”.

Lo stesso Freud, che si è espresso sul significato del collezionismo, fu a sua volta un accanito collezionista di opere d’arte antica.

Leggi anche -> “Sono incinta” Ballando con le stelle, il lieto annuncio è doppio: la famiglia si allarga

Leggi anche -> Harry e Meghan delusi dalla risposta data dalla regina alle loro accuse

300 euro per queste vecchie 20 Lire

Alla luce delle recenti valutazioni le 20 lire del 1927, sono tra le monete più ricercate. Il sito Moruzzi Numismatica riporta nella valutazione attuale una cifra che si aggira all’incirca su 330 euro.

Se non sapete come identificarla basterà guardare la facciata che presenta il volto del Re verso destra, mentre sul retro è presente una figura maschile nuda che fa il saluto romano ad una donna seduta.

Una volta messa in vendita all’asta questa “monetina” può farvi ricavare anche cifre più alte di quella appena citata.