Lite tra parenti alla Prima Comunione, spari in chiesa: uomo ferito alla testa

Un giorno di festa rischia di trasformarsi in una tragedia: durante la prima comunione una lite ha provocato una sparatoria.

E’ accaduto ad Acireale: un brigadiere dei carabinieri , Sebastiano Giovanni Grasso di 43 anni, è stato ferito gravemente alla testa con un colpo di pistola.

A scaturire la violenta reazione, una  lite scoppiata, sul sagrato di una chiesa a Santa Maria degli Ammalati, frazione di Acireale, nel Catanese. Al momento è in stato di arresto per lo sconcertante accaduto un 69enne.

LEGGI ANCHE –>Denise Pipitone, dopo 17 anni la triste confessione: ‘Oggi è una giornata triste’

LEGGI ANCHE –>‘Ylenia è viva, l’ho incontrata ai Caraibi’: la confessione di Yari, Romina Power sconvolta

Sparatoria durante la prima comunione: paura in chiesa

Uno dei giorni più importanti per i bambini, quello della prima comunione. In molti hanno dovuto rimandare la cerimonia causa Covid e hanno potuto celebrarla solo da qualche mese.

Purtroppo, ai bambini di questa chiesa di Acireale, questo santo giorno è stato rovinato da una sparatoria. Un sottufficiale, fuori dal servizio, è intervenuto per cercare di calmare i toni tra due delle famiglie che stavano litigando.

Uno dei litiganti ha estratto una pistola ed ha esploso un colpo centrando il brigadiere alla testa. Al momento, il sottufficiale è ricoverato con la prognosi riservata nell’ospedale Cannizzaro. Per fortuna, l’aggressore è stato fermato.

Il video dell’accaduto

Com’è d’abitudine in questi giorni importanti, molti stavano riprendendo la messa: in uno dei video postati in rete si sente chiaramente l’esplodere del colpo di pistola che ha colpito il sottoufficiale. Leggere la paura negli occhi dei bambini e dei loro parenti mette i brividi.

Il militare ha raccontato di aver notato all’esterno della chiesa una diatriba tra una decina di persone e una pattuglia del Nucleo operativo radiomobile, intervenuta per sedare la lite. Ha quindi voluto dare il suo supporto ai colleghi, ma è stato purtroppo colpito dal proiettile. Sarà necessaria un’operazione chirurgica. La pistola dell’aggressore, un revolver cal. 38, era regolarmente detenuta.

Sul profilo facebook Acireale Social è stato postato il video che vi abbiamo mostrato.