Isola dei Famosi, naufraga disperata: “Non sono guarita, ci vorrà un anno”

Dopo un reality come l’Isola dei Famosi tutti i naufraghi fanno i conti con le conseguente. Una di loro ha svelato il proprio dramma.

Non è facile resistere a lungo in ambiente come quello in cui sono costretti a vivere i concorrenti dell’Isola dei famosi in Honduras. Le conseguenze sulla pelle possono essere estreme.

LEGGI ANCHE –> Elisa Isoardi ridotta malissimo, problemi di salute dopo l’Isola dei Famosi

LEGGI ANCHE –>L’isola dei famosi, ex naufraga vuota il sacco: ‘Ho sofferto la fame per 7 anni&’

Isola dei famosi, il dramma dell’ex naufraga

L’Isola dei Famosi rappresenta per tutti un’esperienza difficile sia a livello fisico che psicologico. Non è solo la fame l’unico ostacolo ma anche i pericoli quotidiana di una vita completamente selvaggia.

Anche Elisa Isoardi e Brando Giorgi hanno riportato ferite piuttosto serie. La pelle dei concorrenti viene completamente martoriata dai mosquitos. Nell’ultima edizione la concorrente che ha subito l’attacco peggiore è stata senza dubbio Miryea Stabile. La pupa poche ore fa ha svelato di non essere del tutto guarita.

I segni delle punture dei mosquitos sono ancora molto visibili e necessitano di cure e tempo perché spariscano.

“Purtroppo non sono ancora guarite del tutto. Non mi sono ripresa. Ho ancora segni di mosquitos qua e là. Ho parlato con il dermatologo e ci vorrà un annetto per far sì che la cute torni come prima. Per l’estate prossima penso di guarire.

La naufraga ha anche sottolineato:

Sarà lunga a quanto pare, purtroppo non pensavo ci sarebbe voluto tutto questo tempo. […] Se dopo L’Isola dei Famosi farei un altro reality? Quando ci sarà l’occasione valuterò, i reality mi piacciono e credo diano la possibilità di far conoscere tutti gli aspetti di una persona”.

Di certo Miryea non è l’unica che ha subito un attacco massiccio dagli odiati insetti. Nelle edizioni passate anche Brosio ne è uscito distrutto.

Miryea ha confessato nel corso dell’intervista qual è stato il momento più difficile in Honduras.

“Dal punto di vista fisico, è stato difficile trascorrere assieme a Vera Gemma quei cinque giorni su Playa Esperanza. Ho sofferto la fame e considerando le condizioni atmosferiche sono riuscita a sopravvivere dividendo con lei un cactus.

A Superguida Tv ha rivelato anche le difficoltà psicologiche:

Invece dal punto di vista psicologico, ho dovuto superare un attacco di panico. Nella mia vita non ne avevo mai avuto uno. Mi sono trovata a fare i conti con me stessa, con le emozioni e le mie debolezze. Scavare dentro me stessa è stata un’opportunità per crescere.

La naufraga ammette di aver subito una netta delusione da Drusilla che diceva alle spalle che le dava fastidio e che proprio non la sopportava.

Tornate sulla terra ferma le due sembrano però decise al chiarimento.