Michael Schumacher, l’agghiacciante verità: “Non è con noi in questo momento”

Michael Schumacher: arrivano agghiaccianti novità. A parlare è Bernie Ecclestone. Ecco che cosa ha dichiarato. Tutti i dettagli.

Nuovi aggiornamenti sulle condizioni di salute di Michael Schumacher. A rilasciare una dichiarazione è Bernie Ecclestone. Ecco che cosa ha affermato l’uomo. Scopriamolo insieme.

 

LEGGI ANCHE —> Michael Schumacher, bellissima notizia per i fan: un sogno che diventa realtà

Come sta Michael Schumacher

8 anni fa Michael Schumacher subisce un brutto incidente che lo costringe al coma farmacologico per sei mesi e ad una lunga riabilitazione dalla quale non è ancora riuscito a riprendersi.

Non sta ancora in piedi Michael Schumacher, il famoso campione automobilistico, dopo la caduta sulle Alpi francesi dove stava sciando in compagnia del figlio.

In tutti questi anni aggiornamenti sulle sue condizioni di salute sono arrivate con il contagocce. Le uniche dichiarazioni sono quelle rilasciate tramite un comunicato stampa dal presidente della fia Jean Todt che ha rilasciato un’intervista al quotidiano tedesco Bild.

La notizia è questa: Michael migliorerà lentamente e sicuramente. Dopo aver sbattuto la testa su una roccia mentre sciava a Meribel in Francia nel dicembre 2013, viene trasportato d’urgenza in aereo in un ospedale di Grenoble.

Subisce diversi interventi chirurgici e resta in coma farmacologico per permettere al gonfiore del suo cervello di ridursi. Viene trasferito poi a Losanna in Svizzera in un altro ospedale dove nel 2014 esce dal coma.

Dopo 250 giorni ritorna nella sua casa sul lago di Ginevra. La moglie Corinna in questi anni ha chiesto massimo riserbo sulla questione che è ancora molto dolorosa.

Todt, amico di famiglia e personale di Michael ha rivelato in una recente intervista:

“Ho trascorso molto tempo con Corinna da quando Michael ha avuto il suo grave incidente sugli sci il 29 dicembre 2013. È una grande donna e gestisce la famiglia. Non se lo aspettava. E’ successo all’ improvviso e non aveva scelta. Si è sobbarcata tutto. Ma lo fa molto bene. Mi fido di lei, lei si fida di me. Grazie al lavoro dei suoi medici e alla collaborazione di Corinna che voleva che sopravvivesse, Michael è sopravvissuto ma con conseguenze”.

Le dichiarazioni di Bernie Ecclestone

A parlare oggi sulle condizioni di salute di Michael Schumacher è il capo della formula 1 Bernie Ecclestone che si dice ottimista sulle condizioni fisiche di Schumacher in un documentario che uscirà su Netflix questo mese e che parlerà proprio della vita privata e professionale del campione di formula 1.

Eccleston dice:

“Non è con noi in questo momento. Ma quando starà meglio risponderà a tutte le domande”.

Noi speriamo che Schumacher si possa riprendere al più presto e che possa ritornare a vivere una vita normale.

L’incidente di Michael e il documentario su Netflix

Quel famoso dicembre 2013, Michael Schumacher si trovava in Francia in compagnia del figlio. I due stavano sciando quando il campione di formula uno subisce un incidente gravissimo: la sua testa sbatte su una roccia e perde conoscenza.

Viene portato immediatamente in ospedale, operato resta in coma farmacologico per sei mesi, poi viene trasferito in Svizzera per sottoporsi a una lunga fisioterapia e riabilitazione.

In tutti questi anni c’è stato un grande silenzio sulle sue condizioni di salute per volere della famiglia, soprattutto della moglie Corinna che dice che la situazione purtroppo è ancora delicata ma che Michael è nelle migliori mani, quelle esperte dei medici.

Il prossimo 15 settembre Netflix presenta in anteprima un documentario sulla vita privata e professionale del kaiser con filmati inediti, immagini personali fornite proprio da Corinna e dai figli.

Nel trailer si vede la moglie del pilota di formula 1 che ricorda emozionata il loro primo incontro:

“Quando l’ho incontrato ho sentito che era una persona speciale. Penso che sia molto forte mentalmente. Estremamente forte. Mi mostra ogni giorno quanto lo è”.

A parlare non è però soltanto la moglie Corinna ma anche i due figli Gina Maria e Mick che afferma:

“Mio padre è speciale e sono orgoglioso di lui. Quando guardo al mio futuro penso che voglio essere così”.

A parlare nel documentario c’è anche Oliver Forcaud, il maestro di sci della stazione di Meribel che ha assistito all’incidente. L’uomo ha raccontato la dinamica del drammatico episodio che ha coinvolto Schumacher.

Il pilota è stato sorpreso da una pietra che gli ha fatto perdere l’equilibrio sugli sci sbilanciandolo completamente. La videocamera GoPro che il pilota indossava sul suo casco ha ulteriormente aggravato le lesioni:

“Quell’ accessorio ha amplificato le sue ferite. È stato molto sfortunato”.

LEGGI ANCHE —> Michael Schumacher, l’ultima visita in ospedale: Weber svela un retroscena

LEGGI ANCHE —> Michael Schumacher, la verità sulle terribili conseguenze dell’incidente: ‘Sta lottando’