Tu sì que vales, Rudy Zerbi preso a Schiaffi da un concorrente

Il giurato è noto per il suo caratterino molto particolare. Per questo molti concorrenti spesso litigano con Rudy Zerbi che questa volta ha beccato delle sberle.

Il giurato di Tu sì que vales è stato letteralmente preso a schiaffi da alcuni concorrenti. Ecco cos’è successo durante una delle tante esibizioni andate in onda nella prima puntata di ieri.

LEGGI ANCHE –>Rudy Zerbi, dramma privato: ‘Vogliono cacciarmi di casa’

LEGGI ANCHE –>Amici 21, Rudy Zerbi e la frase indecente ad Arisa: ‘Mi fai tanto se***’- Maria De Filippi lo rimprovera

Tu sì que vales: Rudy Zerbi preso a schiaffi

Essere dei giurati non è sempre facile. Rudy Zerbi è uno di quelli che non ha peli sulla lingua ed è proprio per questo che spesso si becca reazioni non proprio carine da parte delle persone che si esibiscono e non sono di suo gradimento.

Non sono mancate occasioni nemmeno ieri: il prof di Amici, a Tu sì que vales ha incontrato un concorrente cantautore che ha presentato una sua canzone contro la guerra con un testo e una melodie chiaramente molto simili ad una celebre canzone di De Gregori, Generale.

I due hanno finito per battibeccare ed è mancato poco che la discussione degenerasse. Ma ciò che ha lasciato tutti senza parole è stato quello che è accaduto durante un’esibizione in esterna.

Rudy Zerbi si becca degli schiaffi da concorrenti mascherati

I giudici sono stati coinvolti vivamente dai concorrenti in un’esibizione teatrale a sfondo horror. Uno spettacolo che ha fatto molta impressione soprattutto a Sabrina Ferilli che è nota per essere una persona facilmente suggestionabile.

Maria, Sabrina e Rudy finiscono per ritrovarsi in un bosco buio nei pressi dello studio e Rudy si becca più di uno schiaffo da uno degli attori camuffato da strega.

Insomma, il concorrente avrà approfittato della situazione: le sberle non erano finta, ed è lo stesso giudice che lo sottolinea.


Un momento della trasmissione davvero molto divertente che ha fatto scompisciare di risate i giudici stessi e il pubblico a casa.