Alessandra Celentano, parole al veleno ai due ballerini: cosa è successo

Ci risiamo, Alessandra Celentano ha già cominciato a mettere sotto torchio gli allievi della nuova edizione di Amici, insulti davvero pesanti quelli della nota prof.

Alessandra Celentano al veleno

 

Un carattere davvero molto particolare quello di Alessandra Celentano che ogni anno suscita più di una polemica sul web per via, soprattutto, dei suoi modi brutali. La prof di Amici ha subito messo in guardia i suoi allievi e quelli che lei reputa dei veri miracolati senza talento.

Amici, Alessandro Celentano offende i suoi allievi

La prof di Amici non si è mai risparmiata: quest’anno Alessandra Celentano parte col dente avvelenato e grida al suo allievo Mirko – entrato in ‘prova di un mese’ che quando balla sembra un ragno e che al lui metterà al massimo un tre. Ovviamente il ragazzo è scoppiato in lacrime.

Chi ha visto la puntata eccezionale di domenica saprà che il ballerino ha avuto una possibilità dalla maestra Celentano: rimarrà un mese nella scuola ma dovrà dimostrare di avere qualcosa di speciale per restare.

In Casetta però la maestra ha subito messo le cose in chiaro con Mirko: non deve assolutamente credere di essere arrivato perché per lei arriva al massimo al 3.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Amici Official (@amiciufficiale)

Le critiche a Mirko e Serena

Per lui ha scritto addirittura una lettera, in cui lancia anche qualche stoccata a Raimondo Todaro sottolineando che la danza è solo quella fatta bene, indipendentemente dai generi.

La Celentano è arrivata addirittura a paragonare Mirko ad un insetto, un ragno e non si è risparmiata nemmeno con gli altri allievi che lei non reputa all’altezza.

Mirko si è sfogato e ha sottolineato quanto si sentisse diverso dagli altri, uno scarto. Il ballerino si è chiesto il senso di farlo entrare in una scuola se non ha nemmeno l’idea di aspirare alla sufficienza.

Celentano non ha potuto fare a meno di sottolineare quanto siano scarsi sia Mirko che Serena (scelta da Todaro) in quanto fisicamente e tecnicamente non dotati.