Cappotti, lavali senza il rischio di danneggiarli: il trucco perfetto

Avete dei cappotti da lavare e avete paura di rovinarli, ma allo stesso tempo non avete voglia di portarli in lavanderia? Ecco come fare

Cappotti
Cappotto – Donnapress.it

In inverno non si può sopravvivere senza un bel cappotto pesante, che ci protegga dal freddo. Tuttavia accumulano tantissimo sporco. Immaginate che li laviamo molto meno spesso rispetto ai normali vestiti, che infiliamo in lavatrice dopo appena un paio di utilizzi.

Invece il cappotto si usa per molto più tempo, ed è a diretto contatto con l’esterno, essendo l’ultimo strato del nostro outfit. Tocca i sedili dei mezzi, muri esterni, e assorbe tutto lo smog. Una bella lavata ogni tanto ci vuole.

Però alcuni sono costosi, ed abbiamo molta paura di rovinarli, soprattutto se parliamo di quelli fatti di lana, che potrebbero facilmente restringersi ed andare a finire direttamente dentro la spazzatura. Ecco come evitare che accada.

Cappotti in lana cotta, il tutorial per non rovinarli in lavatrice

Innanzitutto, controllate bene l’etichetta. Attenzione che non sia indicato di lavare a mano oppure a secco. Se l’etichetta specifica che può essere lavato in lavatrice, allora possiamo procedere. Adesso bisogna inserire il detersivo.

Potrebbe interessarti anche: Spugna per lavare i piatti, sai quante volte va sostituita?

Lavatrice
Cappotto – Donnapress.it

Anche questo passaggio è di vitale importanza, dovete scegliere un detersivo che sia fatto appositamente per la lana, in modo da non intaccare il tessuto. Aggiungete anche dell’ammorbidente, per riavere il vostro cappotto bello soffice.

Adesso è arrivato il momento di impostare la lavatrice. Il programma deve essere o lavaggio a mano, oppure il lavaggio specifico per la lana. Il capo dovrà rimanere in lavatrice per circa un’ora e mezza. In questo modo riavrete sicuramente il vostro cappotto sano e salvo

Giubbotto
Cappotto – Donnapress.it

Dopo il lavaggio dovete metterlo ad asciugare. Non mettetelo in asciugatrice, ma stendetelo su uno stendino, meglio se in balcone, se le condizioni lo permettono. Se il lavaggio in lavatrice vi spaventa, forse dovreste provare a lavarlo a mano.

Ma visto lo sporco con cui è a contatto tutti i giorni… potrebbe non bastare. In questo caso meglio andare in lavanderia.

Irene Mazzucco