Pizza, impasto leggero fatto in casa | Ecco gli errori da non commettere

La pizza è una specialità italiana imitata in tutto il mondo. Ma se vuoi replicarla in casa, vi sono alcuni errori che non dovresti fare!

Pizza fatta in casa: i 5 errori
Pizza fatta in casa – Donnapress.it

Diciamo la verità: da quando in Italia è esplosa la pandemia, nel Marzo 2020, le persone si sono specializzate sempre di più nella produzione di pizza e pane fatto in casa. Infatti, se vi ricoradte bene, proprio nei mese fra Marzo, Aprile e Maggio vi era una vera e propria guerra ai supermercati per accaparrarsi farina e lievito. 

Fare la pizza fatta in casa però non è per tutti e spesso non è sufficiente guardare un video su YouTube per saperla fare correttamente.

Questo perché solitamente, anche seguendo una ricetta si tende a personalizzarla, per cercare di risparmiare quanto più tempo e fatica possibile. Non tutti sanno però, che anche se inizialmente possono sembrare dei passaggi ottimali, in realità rischiano di rovinare completamente la pizza. 

Pizza fatta in casa – Cosa non devi sbagliare per farla come l’originale

Scopri dunque quali sono i 5 errori da non fare se non vuoi rovinare il risultato finale della pizza fatta in casa.

Sciogliere acqua, sale e lievito insieme

Si tratta di un errore comune, ma non tutti sanno che eseguire questo passaggio altera fortemente la lievitazione. Dunque sciogliete prima il lievito, poi aggiungete il sale.

Potrebbe interessarti anche: Come fare la pizza senza lievito di birra

Pizza fatta in casa: i 5 errori
Pizza fatta in casa – Donnapress.it

Aggiungere troppo lievito per velocizzare la lievitazione

Spesso, per velocizzare la lievitazione, si aggiunge più lievito all’impasto così che lieviti al punto giusto prima del dovuto. Non tutti sanno però che in questo modo, la lievitazione non sarebbe completata, perché una quantità di lievito maggiore, richiede un maggior tempo di lievitazione sufficiente.

Se cuocete dunque l’impasto prima di quel tempo, la pizza non risulterà più leggera e digeribile. Attendi svariate ore prima di cuocerla, è consigliabile preparare l’impasto il giorno prima.

Lasciare scoperto l’impasto durante la lievitazione

In questo modo, sull’impasto si andranno a formare delle patine più dure e secche e questo incorrerà poi nel rischio di far risultare l’impasto pieno di spaccature e non uniformi.

Informare ad una bassa temperatura

L’impasto necessita di alte temperature. Chi dispone infatti di un forno professionale, la cottura di essa può essere fatta anche fra i 60 ei 120 secondi. Con un forno casalingo, si necessitano invece anche fra i 15 e i 30 minuti in base alla potenza del forno. Dunque inserite la pizza nel forno preriscaldato alla temperatura adatta.

Cuocere gli ingredienti insieme

Potrebbe interessarti anche: Cartoni della pizza, 3 idee per non doverli più buttare

Pizza fatta in casa: i 5 errori
Pizza fatta in casa – Donnapress.it

Per ridurre il tempo qualcuno potrebbe mettere i latticini già in prima cottura. Se si tratta invece dunque di mozzarella, fiordilatte o provola, questi andrebbero messi 2-3 minuti prima del termine della cottura della pizza. Altrimenti si rischia di farmi venire duri, secchi e alle volte anche bruciati.

Federica Giova