Achille Lauro, sesso e tatuaggi a soli 13 anni | Il racconto scioccante sulla sua vita

Achille Lauro è un cantante di successo, ma prima la sua vita era a base di sesso, tatuaggi e droga. Ecco com’è cambiata la sua vita da allora. 

achille lauro
achille lauro – donnapress.it

È indubbiamente uno dei cantanti di successo del momento, specialmente da quando ha partecipato a Sanremo 2020, il suo nome d’arte è diventato un must per la musica italiana.

Per il cantante però, il cui vero nome è proprio Lauro, la vita non è stata sempre semplice e a base di macchine lussuose e abiti firmati. Il cantante ha dovuto attraversare un lungo periodo nel buio.

Achille Lauro: Dalla criminalità al successo

Il cantante si è aperto più volte, nelle sue canzoni inizialmente e successivamente attraverso le interviste, ha parlato della sua vita passata, quella che stava buttando via. 

Potrebbe interessarti anche: Achille Lauro il durissimo sfogo sui social: “Mi hanno umiliato”

Achille Lauro
Achille Lauro – Donnapress.it

Lauro è nato a Roma, nella periferia, e la sua famiglia non è mai stata particolarmente agiata, ma il contrario. Il cantante, non ha terminato gli studi, e a mala pena li ha iniziati. Era troppo occupato a fare il criminale e a portare del denaro a casa.

Da bambino, per aiutare la mamma e la nonna che erano in gravi difficoltà economiche, spacciava droga. Entrato nel giro delle brutte compagnie, non ha smesso fino all’età di 20 anni, dove ha capito di star buttando la sua vita.

Lauro ha raccontato di aver fatto sesso per la prima volta a 13 anni, e di aver fatto persino i suoi primi tatuaggi a quest’età, decisamente troppo presto. In quel quartiere, e in quella situazione, si cresceva troppo in fretta, come ha detto lui stesso.

Achille Lauro bambino
Achille Lauro da bambino – Donnapress.it

Potrebbe interessarti anche: Achille Lauro, confessione choc: “Vorrei lasciare la musica e sparire come Mina”

L’uomo che è oggi lo ha costruito da solo, con le sue mani, perché non riusciva ad immaginarsi come un 50enne spacciatore e sempre al confine tra la libertà e la galera. 

Complimenti a lui allora, che ha trovato la forza di cambiarsi e di cambiare vita.

Giulia Corbetta