Sabrina Ferilli, cosa voleva fare prima di diventare famosa? Spunta la verità

L’attrice ha sempre dimostrato una grande versatilità nel campo artistico, Sabrina Ferilli però non ha pensato sin da subito di intraprendere quel tipo di percorso. Ecco che lavoro faceva prima di diventare famosa.

sabrina ferilli
sabrina ferilli – donnapress.it

Con la sua simpatia ha conquistato migliaia di italiani. Sabrina Ferilli ha saputo fare della sua romanità il suo segreto di successo. Ovviamente, l’ha aiutata tantissimo il suo bel faccino e il corpo da femme fatale che la caratterizza ancora oggi che non è più una ragazzina.

LEGGI ANCHE –> Sabrina Ferilli, avete mai visto sua ‘figlia’ | Più bella della mamma

Sabrina Ferilli, sapete che lavoro faceva prima del successo? Stenterete a crederci

Una donna dallo charme irresistibile e dalla straripante simpatia, Sabrina Ferilli sta mostrando molti aspetti del suo carattere e della sua personalità che con la sua arte e il suo lavoro non potevano emergere appieno.

Vestendo i panni dei vari personaggi sul set, il suo vero Io è sempre passato in secondo piano lasciando spazio all’Io interpretativo.

Sabrina Ferilli prima della chirurgia

Grazie alla sua amica del cuore, Maria De Filippi, Sabrina ha decisamente mostrato la sua vera natura ed è così che ha conquistato una fetta di pubblico italiano ancora maggiore. Non tutti sanno però che in passato, Sabrina, non aveva nemmeno in mente di fare l’attrice.

LEGGI ANCHE –> Sabrina Ferilli, guardate la mamma: è bella come la figlia! Identiche

Sabrina, icona di sensualità: il suo passato incredibile

Oggi, grazie al suo stile e alla sua immagine, Sabrina è per molte donne un esempio, un’icona da emulare.

In passato però, Sabrina faceva un lavoro totalmente diverso da quello che si ritrova a fare – per fortuna e talento- ormai da tanti anni.

Sabrina ha frequentato il Liceo Classico Orazio a Roma e da ragazza ha provato una strada un po’ diversa prima di cimentarsi nell’arte teatrale. La giudice popolare di Tu sì que vales ha provato –  senza successo – ad entrare al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

 Solo negli ‘8 cominciano le sue piccole comparsate in ruoli non di spicco, come quello ottenuto in Caramelle da uno sconosciuto di Ferrini Franco.

Pian piano però Sabrina ha dimostrato di avere stoffa conquistando il successo che ha sempre desiderato.