Sanremo, Lorena sbugiardata: “Ci ha preso in giro” | Retroscena clamoroso

Sanremo 2022, Lorena Cesarini presa ancora di mira sui social network: “Razzismo? Ci ha preso in giro”. I dettagli sul retroscena clamoroso.

Lorena
Lorena – donnapress.it

Con l’avvento della finalissima della competizione musicale italiana per eccellenza, il Festival di Sanremo 2022, come di consueto, sono sopraggiunte anche polemiche e contraddizioni della kermesse, arrivata alla sua Settantaduesima edizione.

Nell’occhio del ciclone, c’è di nuovo l’attrice Lorena Cesarini, co-conduttrice della seconda serata della gara, dopo Ornella Muti e prima di Drusilla Foer. Ma cosa sta succedendo? Il popolo del web è tornato a prendersela con lei a causa di un retroscena clamoroso. Scopriamone i dettagli.

Sanremo 2022: Lorena Cesarini nell’occhio del ciclone

Interprete di Isabelle Mbamba in “Suburra – La serie”, la seconda co-conduttrice del Festival di Sanremo 2022 è di nuovo al centro delle polemiche. Come ben sappiamo, purtroppo, Lorena aveva ricevuto moltissime offese per la sua partecipazione alla kermesse canora.

A tal proposito, numerosi utenti hanno insinuato che la scelta di voler prendere una ragazza nera come conduttrice per la seconda serata sia stata una strategia bella e buona da parte della Rai per accaparrarsi dei consensi.

La Cesarini, a causa di questa credenza, è stata gravemente denigrata sui social. Al che, la ragazza ha deciso di fare un monologo esattamente su questa spiacevole esperienza, leggendo alcuni frammenti del romanzo “Il razzismo spiegato a mia figlia” dell’autore franco-marocchino Tahar Ben Jelloun.

Ma, proprio in queste ore, è venuto a galla un retroscena clamoroso, tirato fuori da una giornalista molto valida: di che cosa si tratta? Scopriamo insieme tutti i dettagli sull’accaduto.

Lorena Cesarini Sanremo
Lorena Cesarini – Donnapress.it

Selvaggia Lucarelli sul monologo di Lorena Cesarini al Festival

Giornalista e giudice dello show di Rai Uno “Ballando con le Stelle” di Milly Carlucci, Selvaggia Lucarelli è tornata sui social network per esprimere il suo disappunto sul monologo sul razzismo fatto da Lorena Cesarini, esposto sul palco del teatro Ariston durante la seconda serata del Festival.

Riportando le pagine di una rivista autorevole, in cui vi era un’intervista della giovane attrice, la Lucarelli ha dato vita ad uno spunto di riflessione, facendo riferimento a ciò che Lorena aveva affermato a Sanremo:

“Seriamente, perché la questione è seria. Perché Lorena Cesarini ha detto una cosa così tranchant al settimanale F (qualche giorno fa eh, è il numero in edicola) e poi ha detto e fatto il contrario a Sanremo? Boh. Almeno mettersi d’accordo con se stessi. O con gli autori del Festival. O con il proprio ufficio stampa. Bah”.

Il pensiero di Selvaggia appare interdetto perché, proprio su “F”, la Cesarini ha dichiarato delle cose totalmente in discordanza con quelle che poi ha realmente fatto durante il Festival della Canzone Italiana:

Non ha senso che io al Festival faccia la predica sull’integrazione, non perché non ci creda, ma perché non sarei credibile: non sono mai stata vittima di discriminazioni, forse mi ha protetta la bellezza. Poi nei panni della paladina dei diritti civili sarei ridicola.

Selvaggia Lucarelli e Lorena Cesarini lite
Selvaggia Lucarelli e Lorena Cesarini – Donnapress.it

Per poi terminare:

Per me la vera integrazione è non essere tenuta a parlare del colore della mia pelle ogni volta che sono su un palco, come se mi dovessi giustificare. Tra l’altro sono italiana”.

Cosa ne pensate, Cari Lettori? Selvaggia Lucarelli ci ha visto giusto? A voi i commenti!

Previous articleBlanco, il bacio durante i festeggiamenti | Mahmood rimane senza parole
Next articleLa Talpa torna in tv in primissima serata: a condurlo proprio lei | Non ci crederete mai
Ciao, sono Giordano e vivo a Roma. Ho una vera e propria passione per le lingue, infatti studio Mediazione Linguistico-Culturale all'Università. Mi piace molto la musica e adoro scrivere e passare del tempo con le persone che amo: entrambe le cose includono il contatto con l'altro e, del resto, l'unione non può che arricchirci.