Eleonora Giorgi dopo il nipotino confessa: “Sprofondai nella droga”

Eleonora Giorgi non si nasconde più e dice la verità sul suo periodo più buio:  sprofondò nella droga ed uscirne è stato molto difficile. 

Eleonora Giorgi
Eleonora Giorgi – Donnapress.it

La donna sta vivendo un momento davvero felice: è infatti diventata nonna per la prima volta dato che il figlio Paolo Ciavarro ha avuto un figlio insieme alla compagna Clizia Incorvaia, mettendo al mondo il piccolo Gabriele.

I due, che si sono conosciuti tra le mura della casa del Grande Fratello Vip, sono una coppia molto amata e la notizia della gravidanza della donna ha reso i loro fan entusiasti all’idea che i due diventassero genitori.

Eleonora è diventata nonna il 19 febbraio 2022 e da allora il suo sorriso è splendente più che mai. D’altronde, un bambino è sembra qualcosa di felice e gradito, specialmente se la famiglia ha le opportunità per farlo crescere alla meraviglia, in un ambiente sereno come quello di casa Ciavarro.

Eleonora Giorgi sprofondata nella droga

La famiglia ha già accolto il piccolo Gabriele in casa, organizzando una festa per il nuovo arrivato con tutti i componenti della famiglia riuniti, compresa la prima figlia di Clizia, nata dall’unione con Francesco Sarcina.

Nonostante nonna Eleonora sia davvero felice di poter avere il suo primissimo nipotino tra le braccia, durante una recente intervista a Verissimo da Silvia Toffanin ha ricordato di un periodo buio e triste della sua vita. 

La donna infatti ha avuto un grave periodo in cui ha sofferto di depressione, periodo in cui ha fatto persino ricorso alle sostanze stupefacenti pur di evadere dalla realtà quotidiana.

Il motivo, da cui è partito tutto, riguarda un brutto incidente che ha avuto il suo fidanzato. Era il 1974 quando il fidanzato di Eleonora, Alessandro Momo, è morto in seguito ad un incidente stradale. 

Aveva solo 17 anni il ragazzo, che ha effettuato un sorpasso molto pericoloso nei confronti di un taxi. La colpa è ricaduta proprio su Eleonora che ha prestato la sua moto a Momo, che non aveva ancora l’età per guidare quel veicolo così potente.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Verissimo (@verissimotv)

In seguito alla morte del 17enne, la famiglia di Eleonora non l’ha aiutata affatto ed infatti, ha trovato un rifugio solo nella droga. Ha dunque raccontato a Silvia Toffanin:

La droga arrivò per disperazione. Lì c’è stato un grande vuoto. Cercavano di curarmi, avevano chiamato tutti i dottori, ma ormai io ero sprofondata.”