Accappatoio bagnato? Pericolissimo per la salute | Se non lo asciughi rischi muffa tossica

Non sai cosa fare con il tuo accappatoio bagnato oppure non ci pensi proprio? Ecco come comportarti per evitare il proliferare di muffe.

Accappatoio bagnato pericoloso salute
Accappatoio bagnato pericoloso salute – DonnaPress.it

L’accappatoio è un indumento essenziale nella nostra vita di tutti i giorni. E’ importante che sia morbido e che il materiale assorba dovutamente il bagnato per consentirci di asciugarci più in fretta, inoltre è un ottimo compagno nei momenti di relax e sefl care.

Ma quello che non tutti sanno o ignorano è come bisogna comportarsi con un accappatoio bagnato. Infatti trattare la questione con sufficienza potrebbe provocare, oltre che ad un ambiente meno salubre, il proliferare di muffe e batteri. Infatti alcuni di questi sono favoriti dall’ambiente umido che si viene a creare soprattutto grazie ad un accappatoio bagnato.

Le persone reagiscono in modi diversi. C’è chi non è a conoscenza della questione che stiamo trattando e chi, nel dubbio, lava il proprio accappatoio dopo ogni doccia fatta sprecando inutilmente acqua e sapone. C’è una mezza misura a cui fare riferimento e che è influenzata anche dal tipo di accappatoio che possediamo, dal materiale di cui è fatto.

Come mantenere il proprio accappatoio pulito senza il rischio di muffe o batteri

Esistono due tipologie principali di accappatoi. La prima è quella che racchiude tutti quelli di microfibra, utili per quando si viaggia e amati da molti per il fatto di essere sottili e di conseguenza occupare meno spazio in valigia o negli armadi del bagno. La seconda tipologia invece racchiude gli accappatoi di spugna, molto più spessi e che consentono di asciugarsi in tempi più brevi.

Entrambe le tipologie hanno vantaggi e svantaggi. Chi ama avvolgersi in un accappatoio di spugna dopo essere uscito dalla propria doccia difficilmente cambierà l’oggetto con uno in microfibra. Questo a meno che non si tratti di motivi legati ad un viaggio come accennato prima. Tuttavia è bene che sappia una cosa.

Accappatoio microfibra
Accappatoio microfibra-DonnaPress.it

Se l’accappatoio in microfibra essendo più sottile asciuga più lentamente, di contro si sciuga molto più in fretta. Al contrario in quello di spugna è più facile che proliferino batteri e muffe che crescono in ambienti umidi. Il consiglio è quello di farlo asciugare all’aperto e solo successivamente riporlo in bagno.

Per quanto riguarda il lavaggio la cadenza consigliata è dopo 3/4 lavaggi se si decide di seguire il consiglio dell’asciugatura all’aperto. In questo modo il tuo accappatoio rimarrà pulito, igenico e morbido ed eviterai la formazione di  spiacevoli germi.