Riccardo Fogli, la morte vicina: “Non posso morire, ho una figlia di 9 anni” | Il dramma

Riccardo Fogli è disperato: parla della sua morte e fa riferimento alla figlia di soli 9 anni. Il dramma per il cantante dei Pooh. 

Riccardo Fogli paura morte
Riccardo Fogli e la paura di morire – donnapress.it

La vita privata di Riccardo non è sempre stata sotto i riflettori, al contrario di tante altre star. Il cantautore, ex membro dei Pooh, è sempre stato piuttosto riservato su quella che era la sua sfera sentimentale. 

Sappiamo però diversi dettagli sulla sua storia con Viola Valentino, cantante e attrice che ha sposato per poi lasciare diverse volte. L’uomo infatti, ha lasciato la moglie per un periodo, perché interessato a Patty Bravo, con cui si è frequentato per un periodo.

Successivamente, si è riappacificato con Viola e per qualche anno le cose sono procedute a gonfie vele. Ancora una volta però, Fogli ha perso la testa per un’altra donna, ossia Stefania Brassi ed ha deciso di lasciare sua moglie.

Riccardo Fogli, la morte vicina

Il cantautore ha avuto dunque un primo matrimonio durato 20 anni, anche se con alti e bassi, ma successivamente ha ritrovato l’amore. Dopo Stefania Brassi, con la quale ha avuto una bellissima storia d’amore, è arrivata un’altra donna a fargli battere il cuore.

Infatti, la relazione con la Brassi non ha avuto futuro per l’arrivo della bellissima Karin Trentini, donna molto più giovane di lui che da sempre è stata innamorata del cantante. Il loro primo incontro infatti, è avvenuto quando Karin aveva 16 anni ed è stata accompagnata dai genitori al concerto di Fogli!

Riccardo e Karin si sono incontrati anni dopo quel concerto e si sono perdutamente innamorati, non dando peso alla differenza d’età. La donna infatti ha solo 43 anni, mentre il cantautore ne ha 74.

Nel 2010 hanno deciso di coronare il loro amore sposandosi, e qualche anno dopo hanno dato alla luce la loro bambina, Michelle. Proprio di lei ha parlato recentemente l’ex membro dei Pooh, disperato.

Infatti, Riccardo ha raccontato di quanto sia preoccupato per il futuro di sua figlia, dicendo:

“Mi spaventa perché ho una bambina di nove anni, il mio giovane amore. Lei ha bisogno di me e avrà bisogno di me ancora per qualche anno. Devo vivere ancora un po’ perché voglio proteggere mia figlia piccola”. 

D’altronde, il primogenito di Riccardo ha ormai 29 anni, è autonomo e non ha più bisogno del padre, che bene o male è riuscito a godersi. Differente è la situazione per la piccola Michelle.