‘Non potate le ortensie adesso’: l’errore banale che facciamo sempre | Non cresceranno più

Le ortensie sono dei fiori bellissimi, si tratta di una pianta floreale che appartiene alla famiglia delle Hydrangeaceae, molto diffusa nei giardini o sui balconi.

Errore potare ortensie
Errore potare ortensie – DonnaPress.it

La pianta è facile da coltivare ed è abbastanza resistente alle intemperie. La potatura è molto importante. Questa operazione deve essere eseguita con grande attenzione per far sì che le piante producano tutti gli anni delle fantastiche fioriture. Un errore seppur banale potrebbe essere fatale.

Non è importante soltanto che la potatura sia eseguita in un determinato modo ma anche che avvenga in un determinato periodo dell’anno. Rispettare queste regole significa favorire l’uscita di nuove gemme, fare spazio ai nuovi rami che piano piano porteranno i fiori nel corso della primavera.

Ortensie
Ortensie – Donnapress.it

Ortensie ecco come e quando potarle per ottenere un ottimo risultato

Potare le ortensie significa prendersene cura e mantenerle sempre in buona salute. Una volta trovato il metodo bisognerà replicare di volta in volta sempre la stessa operazione. Nulla di più semplice. Come prima cosa bisogna capire quando arriva il periodo giusto per potare le piante. Poi in secondo luogo è fondamentale capire in quale modo farlo. L’errore principale che tutti commettono è pensare che potare una pianta voglia dire semplicemente togliere qualche ramo e ovviamente non è così. Togliere qualche ramo vuol dire toglierlo nel modo corretto, per favorire la ricrescita della pianta. Si recidono con delicatezza solo le parti della pianta non necessarie allo sviluppo o di ostacolo a quest’ultimo. E’ importante considerare il tipo di varietà che si ha davanti perchè non tutte le specie sono uguali e ognuna di esse, ha necessità di una potatura specifica.

Ortensie-Donnapress.it

Ci sono ottanta varietà di ortensie tra arbustive e rampicanti ed ognuna ha delle caratteristiche vegetative e produttive diverse. Alcune, come la Hydrangea paniculata e la Hydrangea arborescens, fioriscono sui rami nuovi mentre altre, come l’Aspera Villosa, la Hydrangea quercifoliae ma Macrophylla fioriscono su quelli dell’anno prima. Un dettaglio che fa la differenza. Per quanto riguarda le ortensie che si sviluppano sui rami nuovi, è consigliato agire nel periodo in cui la pianta è a riposo vegetativo, quindi in autunno dopo la fioritura. Mentre per quanto riguarda quelle che fioriscono sui rami vecchi la potatura va fatta subito dopo la fine del periodo invernale. Sono consigliati i mesi di febbraio e marzo.

Previous articleUeD, un nuovo cavaliere torna in trasmissione: pubblico in delirio
Next article‘Gli si è alzata la gonna’: ha sempre usato un trucco per evitarlo
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.