Rose: ti basta un rametto per riprodurre la pianta all’infinito | Il trucchetto infallibile

Rose, una delle piante più belle al mondo è la rosa, mille colori, 1000 sfumature e 1000 significati è il regalo più bello da fare alla propria mamma, alla moglie, alla fidanzata, alla figlia.

Come riprodurre le rose
Come riprodurre le rose – Donnapress.it

Le rose sono l’ideale per rallegrare una giornata o semplicemente un balcone. Si sa che le rose sono costose, soprattutto adesso in periodo di aumento dei prezzi acquistarne una soltanto vuol dire spendere circa €3.

In realtà c’è un segreto che permette di avere il balcone pieno di rose o regalarne in grandi quantità senza spendere nemmeno un euro. Il metodo per moltiplicarne in qualunque periodo dell’anno è semplicissimo e non bisogna necessariamente essere pollice verde.

Rose, ecco come riprodurle in casa propria

Le rose possono essere moltiplicate per talea legnosa o semi- legnosa, Talea verde o Talea da foglia. Per chi non lo sapesse la talea è un metodo di moltiplicazione che consiste nel far crescere le radici da una porzione di ramo preso da una rosa prematura. Se si usano dei Rami non ancora lignificati il periodo giusto è giugno luglio, mentre i rametti lignificati richiedono un periodo che va da novembre a dicembre. Per la preparazione di una Talea serve un vaso grande 10-12 cm, il ramo di una rosa di 15 massimo 20 cm, un composto ormonale radicante, della torba, della terra da giardino ed infine della sabbia e una bottiglia di plastica.

Rose-Donnapress.it

Per procedere tagliare il ramo privo di fiori, bisogna tagliarlo subito sotto il nodo. Quindi togliere la parte apicale del rametto e lasciare soltanto una o al massimo due foglie. Il ramo deve essere immerso nel prodotto ormonale per poter fare crescere le radici. Poi bisogna riempire un vaso con la miscela di Torba, terra e di sabbia. La terra deve essere umida ma non zuppa di acqua, a questo punto le talee potranno essere interrate. Per poter aiutare la radicazione si può usare una bottiglia di plastica senza il fondo ed infilarla sulla Talea. Trascorsi 50-60 giorni spuntano i primi germogli. Questo per quanto riguarda le talee a giugno o a luglio. Mentre le talee autunnali o invernali richiedono almeno l’arrivo della Primavera successiva per germogliare. La piantina nuova dovrà rimanere in vaso e dovrà essere irrigata tutte le settimane fino a quando non sarà pronta per la messa a dimora.

Previous articleEx naufraga ripescata: cosa si inventa il reality pur di guadagnare | Ricomincia il teatrino
Next articleArisa, è finita con Vito Coppola: relazione in frantumi “Presa in giro” | Il retroscena
Sicula doc anche se nata a Berlino, blogger affermata, estremamente curiosa, appassionata sin da ragazzina di scrittura e tecnologia, praticamente il suo pane quotidiano. Equilibrio sopra ogni cosa, senza pregiudizi e non teme i giudizi altrui, in grado di portare a termine importanti affari.